venerdì 28 febbraio 2014

Recensione: DRYADEM di MARIE ALBES

Buona giornata a tutti lettori di IDIB,
oggi è l'ultimo giorno di febbraio, marzo è alle porte....non sentite anche voi l'aria della primavera?
Eh sì, le giornate sono più lunghe, l'aria è più mite, la prova costume si avvicina.....mare, mare, mare!!! Ok, Rosy, forse stai un pò esagerando, che dite?
Allora, la recensione che vi posto oggi riguarda il libro di un'autrice italiana al suo esordio letterario: Marie Albes. Pronti per saperne di più?




Titolo: Dryadem
Autore: Marie Albes
Casa editrice: autopubblicato
Pagine: 448


Trama: Ayres den Adel è conosciuta a Wells per la sua misantropia e la sua ostilità, ma solo chi le è veramente vicino sa quanto sia sensibile. E così, fragile e insicura, la ragazza sopravvive allo scorrere dei giorni lavorando ogni istante, cercando in tal modo di soffocare il rimorso per la colpa che l'affligge da anni, una colpa che in realtà ha radici molto più lontane di quello che lei stessa possa immaginare.
Finché un giorno, la comparsa di un misterioso tatuaggio sulla sua pelle e l'arrivo di James Armstrong - venuto appositamente dall'Alaska per chiederle aiuto - sconvolgono la sua vita passiva.
La sua stessa percezione del mondo verrà capovolta dal susseguirsi degli eventi, che la rinchiuderanno in una morsa di sentimenti opposti: amore e odio, pace e vendetta.
Una morsa che Ayres sarà costretta ad affrontare, per rinascere poi come una fenice dalle ceneri che provocherà.


LA MIA RECENSIONE

Allora, da dove iniziare? Spesso mi trovo in difficoltà a recensire i libri che leggo. A volte un libro non mi è proprio piaciuto e faccio una fatica tremenda a dosare le parole, altre, invece, mi è piaciuto così tanto che non riesco ad esprimere per iscritto le emozioni che ho provato, altre volte non so dire se il libro che ho letto mi sia piaciuto o meno. Questo mi capita spesso con i libri di autori emergenti, magari autopubblicati. Spesso sento il peso della responsabilità di dire ad un autore che ha lavorato tantissimo che al suo libro manca qualcosa oppure che è veramente bello.
La stessa cosa mi è capitata con Dryadem di Marie Albes. Sicuramente il suo libro mi è piaciuto per quanto riguarda la storia, l'originalità del tema trattato, l'attento lavoro di ricerca storica che traspare dal testo, anche se comunque qualche dubbio mi è rimasto, ma niente di grave.
Ayres è una driade, non una qualunque, ma la Driade, la più potente di tutte. Figlia della terra e attesa da tutti. Ovviamente la ragazza è all'oscuro dei suoi poteri e del suo ruolo: si ritiene una semplice ragazzina, un pò scorbutica per la sua età.
Poteva mancare il bello e tenebroso? Ovviamente no. E quindi ecco arrivare James, che nella vana speranza di liberarsi della maledizione che lo affligge da tempo, svela ad Ayres la sua natura di driade, infatti solo lei potrà liberarlo dal maleficio. A questo punto Ayres si trova a dover affrontare i suoi enormi poteri: la presa di coscienza della protagonista avviene lentamente, per livelli; Ayres impara piano piano a gestire il suo potere e a controllarlo.
Dryadem ha una parte romance predominante: la protagonista farà di tutto per salvare il ragazzo di cui si è innamorata, anche se, ad essere sincera quel bell'imbusto non se lo merita proprio, con tutti i suoi attimi di incoerenza e indecisione. La storia d'amore ha decisamente un ruolo centrale: tanti alti e bassi e tira e molla, fortunatmente, per ora, nessuno triangolo.
Una storia ben costruita che si lascia leggere volentieri nonostante qualche piccola imperfezione. Dovrei fare un appunto sul viaggio nel tempo ma non lo faccio per evitare spoiler.
La Albes è stata abile nel dare vita alla sua fantasia, creando tutta una serie di personaggi che ben si intrecciano con le vicende che vivono i due protagonisti. Dryadem è scritto in modo semplice, leggero. Una pagina tira l'altra fino alla fine della storia.
Una storia magica e romantica, un esordio che non se la cava affatto male, un tema di fondo originale che mi ha incuriosito: ecco, questi sono i punti di forza di questo libro a cui vi consiglio di dare una possibilità.


Allora, chi di voi ha avuto modo di conoscere Marie Albes e il suo libro? Che ne pensate? Vi è piaciuto? E se ancora non lo avete letto sono riuscita ad incuriosirvi? 
Un bacio a tutti!


mercoledì 26 febbraio 2014

Flash mob letterario: 1 marzo

Buongiorno, carissimi lettori!
Avevamo riposto le nostre speranze nella promessa (non mantenuta e trasformata) delle detrazioni fiscali sui libr
i, ma ora abbiamo la possibilità di lanciare un segnale forte.
Vediamo, quanti di voi amano i flash mob? Personalmente li adoro: sono così emozionanti e hanno una potenza nella trasmissione del messaggio che è davvero unica. Ecco perché CAFFEINA FESTIVAL ha ideato l’evento flash mob del 1 marzo.
Compriamo un libro.
Facciamo vincere la cultura.
L’Italia non legge e noi dobbiamo dimostrare che non è così: comprare un libro è un gesto semplice e so che molti di voi lo fanno quasi quotidianamente. Questa volta, però, è importante per poter affermare il valore che diamo alla cultura.

Partecipare è semplice.

Scegliete il libro che volete acquistare.

Andate in libreria con un fiocco bianco. Io sto preparando le spille per me e le mie amiche: avremo dei fiocchettini bianchi da appuntare ai vestiti.

Comprate il libro, scattate una foto del libro e caricatela su www.funmob.com/flashmobletterario. Si formerà un bel mosaico con tutti i libri acquistati in Italia.

Condividete su tutti i social usando l’hashtag #facciamovincerelacultura.

L’evento durerà tutta la giornata, ma l’obiettivo è concentrare gli acquisti tra le 16 e le 18. Si può fare, no?

Io resterò a vostra disposizione per aiutarvi a caricare le foto o per altre spiegazioni.

Alcune librerie sosterranno il flash mob con sconti o altre promozioni. Trovate l’elenco aggiornato sul sito della Fondazione Caffeina (http://www.caffeinacultura.it/news/le-librerie-del-flash-mob_188.htm).

Se avete facebook, potete segnalare la vostra partecipazione all’evento (https://www.facebook.com/events/636458136391334/?ref_dashboard_filter=upcoming) o iscrivervi tramite e-mail al sito funmob.com (http://www.funmob.com/flashmob-viterbo/caffeina-flash-mob-il-1-marzo-compriamo-un-libro).

Sono certa che molti di voi conoscessero già l’evento: vi invito a condividerlo e a partecipare.



Fatemi sapere che cosa ne pensate, se parteciperete e se già sapete quale libro acquisterete!

lunedì 24 febbraio 2014

C'è post@ per noi...#44

Buongiorno lettori! Bentornati alla nostra consueta rubrica di consigli... vediamo insieme cosa ci ha portato il vento più o meno di recente.









Titolo: Valerie Sweets - La Gente mi chiede perché bevo
Autore: Manuel Marchetti
Data di uscita: 15 gennaio 2014
Genere: thriller, poliziesco, fantasy
Prezzo ebook: 0.99€
Lunghezza: 390.000 battute circa

Sinossi: "La gente mi dice «Smetti di bere o ci resterai secca!».
Se solo sapessero cosa devo affrontare,
saprebbero che ho ben più possibilità di essere uccisa da altro,
non da degli stupidi e innocui alcolici,
che non mi hanno mai fatto male. O quasi."
Dura la vita per Valerie Sweets, tenente nella Polizia di Cold Hill che ogni giorno deve tenere a
bada criminali e maniaci. È proprio per questo che beve, e tanto: per dimenticarsi delle
pallottole, sparate e ricevute, e per cacciare via i fantasmi. Ed è proprio al Rusty Bar, il posto
dove ama sbronzarsi, che inizieranno le grane serie per Valerie, che stavolta non si troverà contro i soliti scagnozzi e gangster, ma un nemico ben più temibile...
Sangue, sacrificio e tanti bossoli sul pavimento: questi sono gli ingredienti di “Valerie Sweets - La gente mi chiede perché bevo”, che vi introdurrà al caratterino dell'omonima protagonista, una "sbirra buona" con il vizio del whiskey e la cattiva abitudine a trovarsi in mezzo a storie più grandi di lei. Così, in questo primo capitolo della sua trilogia, Valerie vi racconterà le sue disavventure tra gang di farabutti vendicativi e colleghi troppo premurosi, ma addirittura fotografie che predicono il futuro e la consapevolezza che c’è qualcuno che non vede l'ora di raggiungere il nostro mondo per farlo diventare un vero inferno.

L'autore: Manuel Marchetti, classe 1986, ha sempre avuto un solo obiettivo: far arrivare le sue creazioni a più gente possibile. È la sua linfa vitale ed è ciò che lo spinge ad andare avanti.
E questo obiettivo ha iniziato a mostrarsi già in tenera età, quando alle elementari, mentre gli altri bambini giocavano a nascondino, raccontava fiabe inventate da lui ad un pubblico di pochi intimi; la sua fame non si è fermata, alimentandola alle medie riempiendo quattro quaderni di fumetti, con una nutrita schiera di fan che ogni giorno erano ansiosi di sapere se aveva disegnato una sola vignetta, "costringendolo" spesso, per questo motivo, a proseguire durante le lezioni. Alle superiori è passato ad un livello superiore, iniziando a scrivere racconti brevi, prima di 16 pagine, poi di 32 e poi di 64 (neanche fossero dei banchi di RAM), fino ad intraprendere la tortuosa via del romanzo, via che non ha ancora abbandonato e che non ha intenzione di abbandonare, perché la sua fame è ancora viva e sarà difficile placarla…


Titolo: Hitler, Socrate, Amore e Gelato
Autore: Kim Chiari
Pagine: 120 pp.
Genere: Umoristico, contemporaneo, fantastico

Sinossi: Yannick, a una festa di paese, rimane folgorato dalla bellezza di una barista. Ispirato scrive su un taccuino di un ritorno in vita di Hitler che, cavalcando un pollo volante, sorvola la zona.
Magicamente la scena si avvera. Non sarà l'unica assurdità a capitare, e a breve Yannick si troverà suo malgrado a cercare di riportare in vita Socrate, ottenendo un risultato bizzaro, dovrà ascoltare i deliri di Gengis Khan da sbronzo ed assistere all'apparizione di un'enorme montagna di gelato, fino a una serie di deliranti eventi. Perchè accade tutto questo? Ma per merito, o colpa, dell'amore, ovviamente. Aurora, la barista, è la donna dei miracoli che ispira i pensieri deliranti di Yannick, ma anche la bramosia di Hitler, che nel frattempo ha già imparato come muoversi nel mondo moderno. C'è follia e delirio in "Hitler, Socrate, Amore e Gelato", ma c'è anche la sensibilità nel descrivere la vita di un ventenne come tanti, tra il lavoro in Croce Verde, la compagnia di amici e una ex che lo tormenta. Così, tra un'assurdità e un'altra, vediamo svilupparsi un colpo di fulmine, fino a conseguenze tali da risultare ingestibile ed insegnandoci che " non c’è nessun Dio in ascolto, ma i miracoli accadono lo stesso: per farli avvenire, dobbiamo essere l’uno il miracolo dell’altro"

L'autore: Il 26 Aprile del 1992 è un giorno spoglio di eventi e proprio per questo, Kim Chiari, decide di nascere in questa data; da eterna primadonna qual è, non avrebbe sopportato di dover dividere i riflettori con qualche avvenimento storico. Tuttavia il mondo intorno a lui continua a cambiare, ed i riflettori a spostarsi, così Kim è costretto a trovare espedienti sempre diversi per ricavarsi i suoi cinque minuti di gloria: ecco così che impara a giocolare, trucchi di magia, costruisce nuvole in bottiglia o gira per la città portandosi dietro un materasso. Questo però non basta, così che è costretto a dedicarsi alla scrittura di romanzi.
È così che è tutto iniziato, credete a noi. Se vi capiterà di sentirlo, dirà che i riflettori non c'entrano nulla e che tutto quel che ha fatto, l'ha fatto perché trova dannatamente divertente fare sorridere gli altri. Ma siamo seri: esiste forse qualcuno che si comporterebbe così solo per un semplice sorriso?
Ama alla follia Edoardo Bennato e Peter Parker.


Titolo: Angelo Ingordo
Autore: Roberto Vallerignani
Edizione: Dalia Edizioni
Pagine: 196 pp.

Sinossi: L'ispettore Antonelli non ha mai avuto la vocazione del detective. Benché meno ora, a quattro mesi dalla pensione. Si trascina in una vita appesantita, fatta di piccoli crimini di provincia, di una moglie che invecchia accanto a lui, sommerso da figli trentenni tornati a casa e in cerca di un lavoro, una nipotina sveglia, un cane e un gatto. Niente di straordinario, poche soddisfazioni e tante preoccupazioni, in quest'Italia mangiata dalla crisi.
Qualcosa lo scuote: una donna, una professoressa, ritrovata morta nel suo letto. Una morte naturale, tranquilla e indolore. Troppo tranquilla, forse, ma perché perdersi in
fantasiose congetture? Meglio continuare a occuparsi delle solite scartoffie,
crogiolandosi nella paura di diventare inutili.
Eppure, i sospetti del giovane agente Baldi, le strane telefonate ricevute dal custode del parco archeologico di Carsulae e quel nobile professore un po' matto che continua a voler parlare con lui, continuano ad affollare i suoi pensieri e le sue notti insonni. Per la prima volta l'ispettore Antonelli sente che dovrebbe seguire il suo istinto e annusare il “caso”. Il suo primo vero caso di omicidio a pochi mesi dall'abbandonare la divisa e
dedicarsi alla sua vita di nonno.
In un intreccio fatto di misteri, antiche leggende, papiri e tesori sepolti, morti inspiegabili e cruente, il vecchio ispettore troverà il coraggio che gli è sempre mancato e il suo primo vero, pericoloso, nemico.
Mescolando sapientemente l'introspezione emotiva con la storia antica, l'arte con la morte, i tratti avvincenti e gli intrighi del giallo con la cruda realtà della crisi, Roberto Vallerignani ci regala un romanzo che ha il sapore della vera provincia italiana.

L'autore: Roberto Vallerignani nasce e vive a Narni. Autore teatrale (La valle della speranza, Artemide e Ismaele), musicale (Camel Obsession, Nativity – il musical) e cinematografico (La sella del vento, Ed è subito sera – prossimamente in uscita) è al suo secondo romanzo.

Ebbene, cosa ne pensate? Personalmente sono attratta dal giallo di recente e quindi dal terzo libro in lista.




sabato 22 febbraio 2014

Segna-Libro #9

Buon sabato lettori carissimi! Finalmente, dopo tanta pioggia, inizia a fare capolino un bel sole che fa ben sperare e che anticipa l'arrivo della primavera. Sinceramente io adoro la pioggia, ma quando è troppa diventa fastidiosa anche per me, quindi ben vengano giornate tiepide e delle belle letture nella penombra dei giardini. A tal proposito, ho qualche titolo interessante da suggerirvi ;-)

********

Un Assassino nell'Ombra

Questa splendida cover in seppia è il perfetto ritratto di questo romanzo dalle sfumature romantiche ma che riserva molte sorprese poliziesche. Un Assassino nell'Ombra, il nuovo romanzo di Manuela Dicati uscito all'inizio dell'anno, è un romantic suspense di tutto rispetto e sono certa renderà felici le lettrici che amano le storie d'amore condite da brividi di paura. 
Titolo: Un Assassino nell'Ombra
Autore: Manuela Dicati
Editore: Narcissus me
Prezzo: € 0.99 - 2.50 (epub - mobi)
Pagine: ---
Genere: Romanzo
Sottogenere: Romantic Suspense
Anno di pubblicazione: 2014 
Trama
Michela Bellani si è appena trasferita nel suo nuovo appartamento quando durante la notte un ladro le entra in casa. Fortunatamente il suo vicino, l’irritante quanto affascinante ispettore di polizia Gabriele Vittori, ferma l’intruso. La ragazza sporge denuncia e poi riprende la sua vita come se nulla fosse successo. O perlomeno quasi nulla, dal momento che tra lei e Gabriele nasce subito una forte attrazione che le fa pensare di poter tornare ad amare dopo il tragico incidente avvenuto quattro anni prima. Gabriele Vittori non ha mai pensato di innamorarsi; eppure quella ragazza dolce, bella e sicura di sé lo ha colpito profondamente, tanto da fargli desiderare di costruirsi una famiglia. Ma un’ombra oscura insidia il loro cammino: l’uomo penetrato nell’appartamento di Michela viene trovato ucciso e la situazione precipita. Gabriele dovrà usare tutta la sua esperienza e le sue abilità di poliziotto per scoprire l’identità dell’assassino e fermarlo prima che riesca a portargli via per sempre la donna che gli ha rapito il cuore.

Acquista il libro su Amazon e Kobo


********

Emmanuel

Come dico sempre, la fantascienza, purtroppo, è un genere meraviglioso che da qualche anno è caduto un po' nel dimenticatoio, ma fortunatamente ci sono ancora autori che si cimentano in storie di questo tipo. Emmanuel di Francesco D. Bianco è un libro che apre le porte a molti interrogativi e che trascina il lettore in un'avventura mozzafiato. Per gli amanti dello sci-fi è una chicca da non perdere.
Titolo: Emmanuel
Autore: Francesco D. Bianco
Editore: ilmiolibro.it
ISBN: 9788891051929
Prezzo: € 11.00 (cartaceo) - € 4.99 (ebook)
Pagine: 148 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Fantascienza
  Anno di pubblicazione: 2013 
Trama
E se la realtà della vita, crollasse improvvisamente davanti ai nostri occhi? Pensi di essere al sicuro?Pensi di sopravvivere? Nulla è ormai certo... Una ragazza albina, un Dio capace di distruggere un pianeta con i suoi abitanti, un vagabondo che insegue un simbolo misterioso. Questi sono alcuni degli elementi, che rendono Emmanuel un romanzo avvincente e pieno di sorprese. 
E'una calda e afosa mattina di agosto, e un evento straordinario sconvolge la cittadina di Salisbury. "Flottillas," è così che vengono chiamate le strane sfere di luce che, apparse improvvisamente nel cielo, formano un singolare emblema. Il sorprendente fenomeno cattura l'attenzione di Jeffrey White,quarantenne senzatetto con un passato da scienziato. In lui, scatta un'irrefrenabile voglia di sapere e di scoprire la verità su quel misterioso simbolo. Un amore, un'amicizia, un'avvincente storia che si snoda fra le città che compongono il triangolo della magia e le maestose metropoli di un mondo a noi sconosciuto, al limite della fantasia. Tutto è scritto, tutto è pronto: il viaggio è appena iniziato...

Acquista il libro su Amazon e Kobo


********

Il Fascino dell'Oscurità

E, infine, un'uscita recentissima che attendevo con particolare interesse. Si tratta di Il Fascino dell'Oscurità della cacciatrice di vampiri più famosa d'Italia Isabel C. Alley, che porta ancora una volta alla luce le sue rocambolesche avventure paranormali, ma non solo! Attenzione perché in questo romanzo troverete sangue, denti aguzzi, azione e lussuria, ma anche amicizia, amore, dolore e gioia.
Titolo: Il Fascino dell’Oscurità (I Diari di Isabel #2)
Autore: Isabel C. Alley
Editore: Self Publishing
Prezzo: € 2.99 (ebook) - cartaceo presto disponibile
Pagine: 360 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Paranormal Romance
Anno di pubblicazione: 2014 
Trama
Tutti vogliono circondarsi di certezze: casa, amore, lavoro... Di queste io ne ho due su tre. Mica male, no?Dovrei ritenermi fortunata e invece sono il bersaglio preferito del destino avverso. Isabel Cariani: cacciatrice di vampiri e altre creature sovrannaturali. Potreste aver sentito parlare di me se frequentate il Frozen e i suoi vampiri, se vi siete imbattuti in una strega svitata o se la vostra villa di campagna è stata scaravoltata da un Boggart dispettoso. Sono tutte cose che non trovereste nella vita di una normale ragazza di venticinque anni, ma come avrete capito il mio mondo è piuttosto singolare. Parecchie persone hanno contribuito a sconvolgere la mia esistenza: Jenny, la mia apprendista cacciatrice, pazza e nerd di prima categoria; Stephan, il maestro che mi ha insegnato a combattere, tornato dal Canada per sbriciolare ancor di più i frammenti del mio cuore; Lorenzo Ferranti, il vampiro più attraente e pericoloso della provincia, interessato a me per chissà quale motivo. Ma non è tutto qui. Nell'oscurità che mi circonda, ci sono segreti pronti a balzare alla mia gola per eliminarmi. Muovono le pedine di un gioco molto pericoloso e corrompono anche l'animo più puro con il loro fascino mascherato di oro e di argento. Luce, buio, nemici, alleati... sono solo etichette che riponiamo su ciò con cui interagiamo per sentirci più sicuri. Ma quando tutte le certezze all'improvviso cominciano a crollare, non si può più contare su alcun equilibrio. Ho dovuto destreggiarmi tra vampiri berserker nati per uccidere, sensuali proposte a cui è difficile negarsi e grandi complotti volti a distruggere la pace di una città. Volete muovere un passo nella mia vita? Non vi resta che sfogliare le pagine di questo Diario.

Acquista il libro su Amazon e Kobo


********

Anche questa volta ho scelto di presentarvi tre libri diversissimi tra loro, ma tutti con storie ugualmente allettanti e in grado di sorprendere. Si passa da un romanticismo mescolato all'azione a un'avventura dal sapore fantascientifico e si arriva a un paranormal ricco di oscurità. 
Qualcuno di voi ha già letto uno di questi romanzi? O anche tutti e tre? Se sì, cosa ne pensate? Vi sono piaciuti? Li consigliate? O, se non li avete letti e non li conoscevate, quale vi attira di più?
Fatemi sapere! Come sempre, sono curiosissima di conoscere le vostre opinioni ^-^
A presto!


giovedì 20 febbraio 2014

recensione: L'ULTIMA RIGA DELLE FAVOLE - MASSIMO GRAMELLINI

Scheda tecnica:
Titolo: L'ultima riga delle favole
Autore: Massimo Gramellini
Pagine: 258 pp.
Editore: Lulu.com

Trama: Tomàs è una persona come tante. E, come tante, crede poco in se stesso, subisce la vita ed è convinto di non possedere gli strumenti per cambiarla. Ma una sera si ritrova proiettato in un luogo sconosciuto che riaccende in lui quella scintilla di curiosità che langue in ogni essere umano. Incomincia così un viaggio simbolico che, attraverso una serie di incontri e di prove avventurose, lo condurrà alla scoperta del proprio talento e alla realizzazione dell'amore: prima dentro di sé e poi con gli altri. Con questa favola moderna che offre un messaggio e un massaggio di speranza, Massimo Gramellini si propone di rispondere alle domande che ci ossessionano fin dall'infanzia. Quale sia il senso del dolore. Se esista, e chi sia davvero, l'anima gemella. E in che modo la nostra vita di ogni giorno sia trasformabile dai sogni.

La mia visione d'insieme:
Esistono il lieto fine, l'amore e l'anima gemella? Chi di noi non si è mai posto tali domande? Bene, questo è ciò su cui si interroga Tomas, il nostro protagonista, che prende spunto appunto dall'ultima riga delle favole, ovvero il E vissero felici e contenti.

Tomas ha sviluppato una sorta di allergia all'amore e ai legami per cui, quando le cose iniziano a farsi serie con le donne finisce con lo starnutire. Con l'ultima conosciuta, Arianna, viene preceduto nell'essere "scaricato" e gli rimane un dubbio al quale, in un momento di paura e bisogno, si aggrappa disperatamente.

Sarà questo desiderio d'amore a condurlo in uno strano posto con una sorta di sacerdotessa nera ad accoglierlo. Si tratta delle terme dell'anima, un posto in cui, attraverso sette passaggi Tomas riuscirà a trovare se stesso, superare la paura della morte e soprattutto quella dell'amore, rinascendo a nuova vita. In questo viaggio non sarà solo, avrà come compagni Morena, un'attrice di soap opera e Polvere, un artigiano di tavole da surf. Giungeranno tutti alla fine del percorso?
L'anima gemella di Tomas sarà Arianna, colei che lo ha portato ad un viaggio interiore tanto bizzarro quanto improbabile?

Non voglio privarvi del gusto del finale e pertanto vi lascio con una sequela di interrogativi, non vogliatemene.

Le premesse e il finale mi sono piaciuti devo dire solo che nel mezzo resta un pò lento, il subconscio di Tomas è tanto ingarbugliato che anche Freud ne sarebbe infastidito. In ogni caso i capitoli non sono molto lunghi e così la lettura procede nonostante tutti i processi interiori del protagonista.

Indice di gradimento:


martedì 18 febbraio 2014

C'è post@ per noi...#43




Buonasera lettori carissimi ^-^
Oggi arriva un'altra bella vagonata di segnalazioni. Pronti a vedere quali titoli sono arrivati nella nostra casella di posta?



Che Dio me la mandi buona... di Manuela Pigna

Se avete voglia di un libro leggero ma che faccia anche riflettere sull'attuale situazione di molti giovani, sicuramente questo è un libro che potrebbe interessarvi. Ironico, simpatico e fresco...una lettura per passare qualche ora in piacevole compagnia!


Titolo: Che Dio me la mandi buona...
Autore: Manuela Pigna
Editore: Amazon
Prezzo: € 2.99 (ebook)
Pagine: 372 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Chick-lit
Anno di pubblicazione: 2013

Trama
Viola sta finendo l'università finalmente, è pronta per buttarsi con entusiasmo nel mondo del lavoro, ma, ahimè, il mondo del lavoro non sembra altrettanto entusiasta... 
Non resta che perseverare e perseverare per ottenere uno straccio di stipendio fisso, confidare nelle amiche di fronte ad ettolitri di birra e usare grandi dosi di ironia quando qualcosa va storto, quindi tutti i giorni. Ma soprattutto non resta che alzare lo sguardo e augurarsi che, una volta tanto, Quel Qualcuno la mandi buona...


L'autrice
Manuela Pigna, nata nel 1981, abita a Varese, ma lavora a Lugano, perché per quale motivo fare qualcosa di semplice come vivere e lavorare nello stesso Stato?
Ha una laurea breve in Scienze dei Beni Culturali, e durante l'università ha svolto una moltitudine di lavori diversi che l’hanno molto ispirata durante la stesura del suo primo romanzo, ma che francamente vi risparmierebbe, con buona pace di tutti quanti.
E’ sposata e ha un figlio.

Link Utili
Acquista il libro su: Amazon


I Figli del Pozzo di Carne di Federica Soprani & Vittoria Corella

Conoscete la serie di racconti ambientati nella Londra Vittoriana e scritta da Federica Soprani e Vittoria Corella? È uscito da poco il terzo episodio e se amate le storie dove il mistero e i brividi la fanno da padrone dovete assolutamente leggerlo! Soprattutto se l'ambientazione è così ricca di fascino...

Titolo: I Figli del Pozzo di Carne (Victorian Solstice #3)
Autore: Federica Soprani & Vittoria Corella
Editore: Lite Editions
Prezzo: € 1.99 (ebook)
Pagine: 79 p.
Genere: Racconto
Sottogenere: Poliziesco, Storico
Anno di pubblicazione: 2013

Trama
Nella Londra Vittoriana Uomini Neri e Boogeymen esistono davvero. I Mostri sono veri e hanno fame. Vengono e portano via quelli che hanno più paura. Per sconfiggere i Mostri ci vuole coraggio, follia e un pizzico di disperazione. Una nuova avventura di Jericho e Jonas nella pancia della Londra più nera.

Le autrici
Federica Soprani vive a Parma, sfortunatamente per lei, in questo secolo. Scrivere le è necessario quanto respirare. E da parte di un'asmatica questa affermazione si ammanta di un pathos quasi insostenibile… Tale necessità non sempre riesce a coniugarsi col suo lavoro presso uno studio grafico e con la gestione più o meno rocambolesca di una famiglia che ha più zampe che arti. Ma oltre che vivere occorre sopravvivere.

Vittoria Corella (ovviamente un nome d'arte) vive a Riccione, lavora nel turismo e ha una gatta a tre zampe.

Link Utili
Sito Web | Fanvideo | Acquista su: Amazon

Sensazioni dell'anima di Tiziana Cazziero

Per finire, invece, vi propongo storie completamente diverse da quelle già presentate. Questa è una raccolta di racconti incentrata sui sentimenti e sulle emozioni, le sensazioni dell'anima del titolo, e per chi desidera immergersi in un viaggio suggestivo all'interno della vita penso proprio sia il massimo! 


Titolo: Sensazioni dell'anima
Autore: Tiziana Cazziero
Editore: Amazon
Prezzo: € 0.92 (ebook)
Pagine: 165 p.
Genere: Raccolta
Sottogenere: Racconti
Anno di pubblicazione: 2013

Trama
Sensazioni dell’Anima è una raccolta di quattro racconti: Il Coraggio d'Amare ancora, Un Angelo di nome Maya, Ritrovarsi, Quell'Amore portato dall'Africa. I protagonisti delle storie devono rapportarsi con la morte e il dolore provato per aver perso qualcuno che amavano. Confrontarsi con la sofferenza e trovare la giusta strada per affrontare un cammino non è facile, tutto sembra incomprensibile; vivere sembra inutile. 
Come si può superare il lutto profondo per una famiglia perduta? Per quello di un figlio strappato dall’amore di una madre in tenera età? Come si può sopravvivere con la consapevolezza che l’uomo della tua vita non potrà più far parte della tua esistenza? 
Questi sono gli interrogativi racchiusi in queste storie. L’autrice affronta un viaggio nel dolore, nella solitudine, nella voglia viscerale di trovare una soluzione anche quando questa non esiste. Sensazioni dell’Anima cerca di dare una risposta: avete mai provato la strana sensazione di essere osservati nell’ombra? Vi siete guardati intorno senza vedere mai nessuno: che cos’è? Ma soprattutto, chi è? 
Qualcuno ci osserva. Sensazioni: qualcuno che ci spia alle spalle, nel silenzio di una vita vuota, come un'ombra, un fantasma.

L'autrice
Tiziana Cazziero nasce a Siracusa nel 1977. Durante gli studi scolastici, terminati con il diploma di Ragioniera, ha collezionato una raccolta di poesie che ha iniziato a scrivere in età adolescenziale. Nel 2005 comincia a scrivere il suo primo romanzo "Voltare Pagina" pubblicato nel 2011 con BookSprint Edizioni. Ha collezionato diversi racconti brevi e partecipato a diversi concorsi letterari ricevendo segnalazioni e riconoscimenti. Nel 2010 ha cominciato la sua attività di web writer: articolista free lance, collaborando con diverse redazioni on line trattando diversi argomenti. Ha iniziato recensendo libri, con il tempo ha intrapreso diverse cooperazioni; oggi segue diverse rubriche e gestisce un blog personale sull’editoria. Ha collaborato come addetta ufficio stampa con l'Associazione Libro Aperto e la casa editrice Libro Aperto Edizioni. Si è classificata seconda al concorso letterario a tema "Streghe e vampiri" indetto dalla casa editrice Giovane Holden nel 2010. Oggi quel testo è diventato la sua seconda uscita editoriale - Patto con il Vampiro Edito da Libro Aperto Edizioni. Per sette mesi questo romanzo fantasy è sempre stato uno tra i tre ebook più venduti dal sito della casa editrice. Diverse volte ha scalato la classifica dei bestseller dello store on line Amazon; è stato bestseller anche in altre classifiche di altre librerie on line. Dopo aver svolto diversi lavori, ha deciso che scrivere era la strada che voleva intraprendere e che continua a seguire tutt’oggi. Si dedica alla promozione di autori emergenti ed esordienti che cercano un supporto nel complesso mondo editoriale. A tal riguardo ha anche pubblicato un manuale – Ho pubblicato un libro: E adesso? - Edito con Libro Aperto Edizioni. Un libro nel quale racconta la sua esperienza di scrittrice e promotrice nel web. Convive con il suo compagno dal 1999; oggi è mamma di una bellissima bambina: Benedetta. Quello che spera e desidera è continuare a scrivere e vivere di questa sua passione.

Link Utili
Blog | Booktrailer | Acquista il libro su: Amazon | Sito ufficiale | Blog ufficiale | Facebook

***

Anche per questo appuntamento è tutto. Avete visto che vi ho proposto un chick-lit, un poliziesco vittoriano e una raccolta di racconti...io non so scegliere quale mi intriga di più.
Voi cosa ne pensate di queste segnalazioni? C'è un libro che vi colpisce particolarmente? Quali avete già letto e quali vorreste iniziare? Fatemi sapere!
A presto!



lunedì 17 febbraio 2014

Recensione: TI RACCONTERÒ TUTTE LE STORIE CHE POTRÒ di AGNESE BORSELLINO e SALVO PALAZZOLO


Cari Lettori, 
il post di oggi non è esattamente una recensione, anche se la "etichetterò" così per una scelta di uniformità. 
Quando ho scritto queste parole, ero guidata più dalla necessità di condividere la mia lettura e di farla conoscere che dalla volontà di esprimere un'opinione sul libro che ho letto.

Titolo: Ti racconterò tutte le storie che potrò 
Autore: Agnese Borsellino, Salvo Palazzolo 
Editore: Feltrinelli 
Prima edizione: 5 novembre 2013 
Pagine: 199
Prezzo: Rilegato - € 18,00

Il 19 luglio 1992 non avevo ancora compiuto due anni: non ho ricordi diretti di quel giorno ma, come molti altri che erano troppo piccoli o ancora non erano nati, la mia mente mi ripropone vecchie immagini in bianco e nero, fotografie dello scheletro di un'auto. Quel giorno morirono Paolo Borsellino e gli uomini della sua scorta. 
Anni dopo studiavo il nome di Borsellino e quello di Falcone sui libri di scuola ed ero abbastanza grande per intuire la portata del loro impegno, il significato della loro morte e della parola «mafia». Ciononostante sono stati molti i momenti in cui tutto mi è sembrato lontano, quasi non mi riguardasse davvero e questo sebbene vi abbia sempre prestato una certa attenzione. 
Dopo aver letto Ti racconterò tutte le storie che potrò, mi sembra che la questione sia meno nebulosa di prima e certamente meno distante: smettiamo di credere che la mafia sia solo in quel sud lontano, che sia fatta da uomini brutti e cattivi, delinquenti di poco conto. 
Non so come e perché mi sono avvicinata al libro che Agnese Borsellino, con l'aiuto di Salvo Palazzolo, ha scritto. Vi ho trovato molto più di quello che mi aspettavo: molta speranza, forza e coraggio per i giovani, parole e valori in cui riconoscersi, da far propri, da trasformare in fatti. 

Mi colpiscono, ancora una volta, la tua voglia di vivere, l'amore per le piccole cose, anche quelle un po' frivole, e soprattutto l'inesauribile speranza di ritrovare la luce in fondo a quel tunnel in cui pensavano di averti cacciato definitivamente coloro che ti hanno privato troppo presto dell'amore della tua vita.

Manfredi Borsellino 


Non è un libro che vuole rivelare verità scomode, ma vi è anche l'appello perché la verità (non solo quella sulla strage di via D'Amelio) emerga, si diffonda luminosa. È, invece, il racconto di una donna innamorata del marito e della vita. Agnese ricorda le tante vite che ha vissuto: quella in cui era la signorina dei pizzi e dei merletti, quella con Paolo che è stato capace di plasmarla e trasformarla e quella dopo quel pomeriggio di luglio. Attraverso i ricordi di Agnese emerge l'uomo che fu Paolo Borsellino e non nascondo che mi sembra ora di averlo conosciuto. 

In quel giorno di aprile, Agnese ha deciso che era venuto il momento di raccontare le sue tante battaglie, prima e dopo il 19 luglio 1992. "Per ridare entusiasmo e speranza al nostro paese," mi ha detto con un sorriso grande. "Perché io non mi arrendo, devono saperlo gli uomini della mafia e gli uomini dello stato che conoscono la verità sulla morte di Paolo. Le mie parole vivranno per sempre, perché sono un gesto d'amore nei confronti del mio Paolo." E ha iniziato il suo racconto.

Salvo Palazzolo 


Ho letto le prime venti pagine, piangendo ininterrottamente. Non sapevo come avrei potuto portare a termine una lettura che si stava rivelando così emotivamente impegnativa. Poi sono arrivati i momenti di "respiro", in cui le lacrime non mi annebbiavano la vista, e momenti in cui ho persino sorriso. Naturalmente ci sono stati altri passaggi difficili da leggere senza sentire la commozione e soprattutto la rabbia prendere il sopravvento. Mi si stringe lo stomaco anche solo ripensandoci ora: come altri, sento il vuoto di una perdita personale. 

Tante vite ho vissuto. Prima e dopo Paolo Borsellino, mio marito, il padre dei miei figli. Me l'hanno portato via una domenica di luglio di vent'anni fa, me è come se fosse ieri. Lo sento ancora avvicinarsi: mi sorride, mi fa una carezza, mi dà un bacio, poi esce accompagnato dagli agenti di scorta. E non c'è più, inghiottito da una nuvola di fumo che vorrebbe ingoiare tutta la città.
[…]
E allora, tante parole di mio marito mi sono apparse chiare, chiarissime. Come non mai.
Voglio ritrovarle tutte le parole di Paolo. Parole di amore, di verità, di rabbia, di indignazione. Voglio ritrovare anche le sue parole di paura, di amarezza, di tristezza, che poi erano accompagnate sempre da altre parole: di coraggio, di speranza, di gioia, di ironia, di forza. Lo so che non sarà facile ritrovare le parole del mio amato Paolo, ma ci voglio provare, ripercorrendo dentro di me tutte le vite che ho vissuto. Prima e dopo di lui. Perché le mie vite sono state scandite dalle parole di Paolo. Scandite, accarezzate, sostenute.

Non posso aver la pretesa di trasformare me stessa sulla base di un libro, sulle parole che ho letto, ma voglio lasciare che mi tocchino, che siano la scintilla di un cambiamento, che siano ispirazione del percorso che farò nella mia vita. 
Quando spiegavo che questa non può essere una recensione, mi riferivo al fatto che non ci sono trama o stile da commentare: c'è da leggere (che in questo caso è come sedersi ad ascoltare) e da capire le ragioni dietro alle stragi di mafia, da carpire la passione che un uomo, Paolo Borsellino (ma non solo), metteva nel lavoro e nella vita. Dobbiamo iniziare una nuova vita perché avremo il futuro che ci saremo costruiti. 
Sembra una frase banale, ma non lo è: non lo è per i significati che si porta dietro. Siamo noi, giovani di oggi, che abbiamo la possibilità e il dovere di cambiare il nostro mondo e il futuro dei nostri figli. Sembra lontano il 1992, ma quanto è lontano? È davvero il passato quello che ho letto? 
Non voglio che le mie parole banalizzino questo libro, per questo ho preferito lasciar spazio a dei piccoli estratti. Perdonatemi, se il post di oggi esce un po' fuori dai generi di cui vi parliamo di solito: sentivo la necessità di condividere una piccola riflessione con voi. 

Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell'amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare.

Leggere le parole di Agnese, e indirettamente di Paolo Borsellino, mi ha fatto sentire più intensamente l'amore per la terra di mio padre e di mio nonno, ma anche per la nostra nazione, la nostra Italia che ha tante, troppe cose che non funzionano, che sarebbe meravigliosa se la corruzione non fosse così quotidiana da aver smesso di farci indignare. 
Imparare a riconoscere la mafia, in tutti i suoi aspetti perché essa si sa nascondere troppo bene, ci farà compiere un piccolo passo, ma saremo più forti se sapremo volgerle le spalle senza tornare indietro. 

"Parlate della mafia, parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene. Se la gioventù le negherà il consenso, anche l'onnipotente mafia svanirà come un incubo".


Ecco perché scrivo.


Ecco perché leggiamo.


sabato 15 febbraio 2014

Buon compleanno Italians Do It Better-Books Edition ♥

Carissimi lettori del blog,
è con immenso piacere che ci troviamo qui oggi per festeggiare il primo anno di vita di IDIB-BE. Infatti, il 15 Febbraio del 2013 abbiamo dato il via a questa avventura e da allora ci siamo sempre divertite a parlarvi delle migliore opere italiane in circolazione.
È stato un anno ricco di novità e sorprese, un anno pieno di libri meravigliosi che siamo felici di aver letto e recensito, orgogliose che gli autori e le autrici che hanno creato tali storie fossero italiani. Vi abbiamo dimostrato in tutti questi mesi che non serve andare lontano e attraversare gli oceani per trovare romanzi meravigliosi e all'altezza anche delle aspettative dei lettori più esigenti e il nostro sogno è quello di proseguire su questa strada, spesso dimenticata dalla maggioranza ma che noi vogliamo continuare a percorrere per scovare le perle che la letteratura italiana nasconde e farle conoscere al mondo intero.
Per l'occasione abbiamo anche deciso di allargare la famiglia di IDIB-BE e di far entrare nel gruppo nuove collaboratrici. Ora ve le presentiamo! Sono Annie di La Tana di una Booklover, Mary di Il sogno di una lettrice, Eliza di La Biblioteca di Eliza e Serena di Attraverso i libri e quel che Serena vi trovò. Sono quattro blogger fantastiche nonché persone meravigliose e noi siamo onorate di poter gestire d'ora in avanti questo angolino tricolore insieme a loro. Diamo, quindi, un caloroso benvenuto a tutte!!!

Oggi è un giorno importante per noi, un giorno di festa, perché il blog ha raggiunto un traguardo ambito e inaspettato, ma molto desiderato, e possiamo solo dirvi quanto siamo contente di avervi come lettori e che vi ringraziamo per seguirci in questa splendida avventura!!! Grazie di cuore da tutto lo staff di IDIB-BE ♥

Buon compleanno Italians Do It Better-Books Edition!!!


Vi abbracciamo e vi mandiamo tutto il nostro affetto,
IDIB_BE Staff

mercoledì 12 febbraio 2014

C'è post@ per noi... #42

Oggi scopriremo quali titoli abbiamo trovato nella posta elettronica di IDIB - BE: sono certa che stiate pensando a quale libro regalare questa settimana...








Stranezze in Lombardia e dintorni di Giamberto Viganò

Scrivendoci qualche mese fa, l'autore aveva presentato il suo romanzo definendo un antidepressivo, affermando ironicamente che a causa della crisi editoriale sarebbe stato distribuito dalle farmacie e dalle parafarmacie. In effetti, i libri dovrebbero trovarsi anche lì: non siete d'accordo?

Titolo: Stranezze in Lombardia e dintorni
Autore: Gianberto Viganò
Editore: Selfpublishing
Prima edizione: 20 dicembre 2013
Pagine: 114
Prezzo: Brossura - € 8,00; ebook - € 2,99

Lombardia, terra di gente operosa ed innamorata del proprio lavoro, ma anche terra di gente strana, molto strana. Gli "originali" sono i grandi protagonisti di queste storie ambientate nella pianura padana.

Acque, torbidi segreti di Laura Clerici


Titolo: Acque, torbidi segreti
Autore: Laura Clerici
Editore: Butterfly Edizioni
Prima edizione: 16 gennaio 2014
Pagine: 222
Prezzo: € 14,00 

Greta ha sempre amato il fiume che scorre nel luogo in cui vive. Un amore peculiare, velato di timore e rispetto. Da qualche tempo, però, è perseguitata da strani incubi che la vedono fronteggiarsi con una spaventosa creatura fatta d’acqua e con enormi onde nere che, travolgendola, la riportano alla realtà, sudata e tremante. La situazione si complica quando Greta scorge, affisso su un muro, il manifesto della mostra pittorica di un artista greco. La modella nel quadro, ritratta nelle sfumature del verde e del blu, non può che essere lei, Greta. Chi è questo artista? Come può conoscere il suo volto? Esiste un legame tra la ragazza del dipinto e la ragazza d’acqua dei suoi incubi? Tra quadri dalle pennellate blu e verdi e inquietanti maschere veneziane, Greta cercherà la risposta alle sue domande, una risposta che affonda le sue radici in quella Grecia che è alle origini della sua famiglia, tra le acque profonde che custodiscono i torbidi segreti di una vita intera.

Laura Clerici si è diplomata al liceo linguistico nel 1992; da allora si è catapultata nel mondo del lavoro scegliendo il settore del Turismo. “Svezzata” per una decina di anni dai ritmi frenetici delle agenzie di viaggio storiche della sua città, gestisce da tempo una attività propria.
Vive con il marito in un’accogliente casetta in campagna, circondata dal verde e allietata dalla presenza di quattro gatti adorati e viziati.
Oltre alla letteratura, alla musica e alle arti in genere, ama gli animali, la natura e ovviamente i viaggi. I suoi hobbies sono la lettura e il canto.
Acque – torbidi segreti” è il suo romanzo d’esordio. 

Nora e il bacio di Giuda di Monica Portiero


Titolo: Nora e il bacio di Giuda
Autore: Monica Portiero
Editore: Butterfly Edizioni
Prima edizione: 16 gennaio 2014
Pagine: 212
Prezzo: € 14,00

Perth, Scozia. Nora è una giovane studentessa e scrittrice emergente alle prese con l’intrigante storia di fantasmi che costituirà il corpo del suo primo romanzo. La vita le frana improvvisamente sulle spalle quando i suoi genitori muoiono in un terribile incidente d’auto. Da quel momento in poi, tutto precipita: il rapporto già precario con sua sorella Lillian, la presenza inquietante della famiglia della sorella nel suo cottage, le difficoltà economiche. Il destino, tuttavia, non è ancora stanco di giocare con lei: presto emergerà, dalle ombre del passato, un terribile segreto di famiglia che stravolgerà per sempre la sua esistenza. Perché non esiste niente di più crudele del tradimento di chi amiamo di più al mondo: nostra madre.

Monica Portiero nasce a Bollate e vive a Mede, in provincia di Pavia. Ha iniziato il suo percorso letterario da giovanissima e ha pubblicato i seguenti romanzi: “Sorrell” (Montedit), “La mia canzone per te” (Gruppo Albatros il Filo), “La valle delle ombre” (Edizioni R.E.I.). È presente con alcuni racconti nelle antologie “Sussurri dal cuore… e dalle tenebre” e “Impronte d’amore”, entrambe edite da Butterfly Edizioni.
Nora e il bacio di Giuda” è il suo quarto romanzo.

La vendetta di Dio di Cristian Rossi


Titolo: La vendetta di Dio
Autore: Cristian Rossi
Editore: Butterfly Edizioni
Prima edizione: 18 dicembre 2013
Pagine: 224
Prezzo:  € 14,00 

Città del Vaticano, giugno 1980. In una stanza preclusa agli sguardi altrui, il Santo Padre è sul letto di morte, circondato da suore piangenti. Padre Gabriel, segretario del Pontefice, prega per lui tra le lacrime. Un salto indietro nel tempo: è il 1944 e Padre Gabriel è un giovane prete appena giunto in Italia per prendersi cura degli orfani della guerra. Sin dal giorno del suo arrivo, gli diviene chiaro quanto sia arduo e pericoloso il suo compito: custodire bambini figli di ebrei, e dunque di ricercati, è un reato e i soldati tedeschi non aspettano altro che una scusa per compiere efferati omicidi. Malgrado la sua fede incrollabile, Padre Gabriel non può che chiedersi: dov’è Dio quando il male serpeggia sulla Terra? Come può permettere la morte dell’innocenza?


Cristian Rossi è nato il 23 aprile 1986 e vive in un piccolo comune della pianura mantovana. È diplomato in ragioneria, lavora come impiegato e riempie parte del suo tempo libero con la lettura e la scrittura. “La vendetta di Dio” è il suo romanzo d’esordio.

Quale romanzo vi interessa di più? E perché? 


lunedì 10 febbraio 2014

Recensione: "LA RAGAZZA CHE VENIVA DAL MARE" di Michele Vitale

Buon lunedì amici e buona giornata! Oggi da me piove come al solito e con tutta quest'acqua in giro mi è venuta voglia di farvi conoscere un romanzo ambientato in un mondo dove l'acqua ha un ruolo principale. Di cosa sto parlando? Beh...della serie urban fantasy di Michele Vitale, la magica Mermaid incentrata sulla figura ammaliante della sirena. Ho da poco letto La ragazza che veniva dal mare, primo volume della saga, e voglio condividere con voi il mio pensiero.

***********************

Titolo: La ragazza che veniva dal mare (Mermaid #1) 
Autore: Michele Vitale
Editore: Narcissus me
Prezzo: € 2.99
Pagine: 240 p.
Genere: Romanzo
Sottogenere: Urban Fantasy, Romance 
Anno di pubblicazione: 2014

Trama
È estate quando l'intera baia di Aglesia rimane sotto shock dagli eventi che si abbattono sulla cittadina, nelle acque profonde che bagnano la riva. Morti strane, violente e sospette si susseguono a ritmi costanti, scombussolando la quotidianità degli abitanti che cercano una spiegazione a quegli strani eventi. La risposta a quelle morti però, sembra averla trovata Tom, diciottenne introverso ed unico sopravvissuto agli strani incidenti. Che cos’è che distrugge le barche e dilania i corpi degli sciagurati che vengono uccisi!? Secondo Tom, la minaccia viene dal mare, popolato da branchi di sirene assassine… Ma nessuno gli crede, a cominciare da suo padre, l’uomo di cui Tom ha profonda stima e fiducia. Ma se gli altri hanno ragione… se le sirene non esistono… allora chi è Leila, la ragazza che gli ha salvato la vita il giorno dell’incidente!? Tom lo sa. È una sirena. Ma non come le altre. Lei è bella, buona e… spaventata. Le sirene malvagie le stanno dando la caccia e lei non ha saputo far altro che rifugiarsi fra le braccia del giovane pescatore. Ma cosa succederà quando gli abitanti di Aglesia scopriranno la verità su di lei? Tom è pronto a difenderla, anche se significa andare contro la sua stessa natura, perché, in fondo al suo cuore, sa già di essersene innamorato. Avvincente e misterioso, La ragazza che veniva dal mare è il primo volume della saga di Mermaid.

***********************

La mia recensione

Le sirene sono da sempre annoverate tra le figure più affascinanti che popolano il magico mondo della fantasia e della mitologia. Sono belle, misteriose, pericolose e soprattutto esercitano una malia ipnotizzante su chiunque le guardi e le ascolti. Io sono una grande fan delle sirene e quando sono venuta a conoscenza di questa storia non ho potuto fare a meno di amarla dal primo istante. “Mermaid: la ragazza che veniva dal mare” è il primo volume della saga urban fantasy romance e young adult scritta da Michele Vitale, giovanissimo autore nostrano che ha esordito recentemente con il contemporary romance YA “Emma” e che ha già dimostrato di avere tutte le carte in regola per diventare un rinomato scrittore. Questo suo secondo romanzo è ricco di magia e purezza, un libro dal sapore acquatico che mi ha dato la possibilità di percorrere i passi di un primo amore dolce e ingenuo, che mi ha coccolato e regalato emozioni delicate e semplici.
Il protagonista è Tom, un ragazzo che vive con i genitori in una casetta sulla baia di Aglesia e che è abituato a trascorrere la maggior parte del suo tempo in spiaggia. Suo padre, infatti, è un pescatore e da quando era solo un bambino il suo interesse principale è stato la pesca. Il mare è il luogo in cui si sente a casa. Ma un giorno, mentre è fuori con la barca di famiglia, succede qualcosa di strano e inspiegabile e Tom si ritrova in gravissimo pericolo. La barca viene completamente distrutta e lui rischia di annegare, ma poi si risveglia sulla sabbia, circondato da molti degli abitanti della baia, illeso e, soprattutto, vivo. Non riesce a trovare una spiegazione razionale all’accaduto, ha perso i sensi nell’incidente e purtroppo non ricorda nulla; l’unica cosa che gli è rimasta di quel giorno è una specie di strana squama di minuscole dimensioni. Un fatto, però, è certo: qualcosa o, forse, qualcuno l’ha salvato. Mentre cerca di riprendersi dallo shock e di fare luce sugli avvenimenti, altri incidenti come il suo si verificano nello stesso punto dell’oceano; stavolta, però, non ci sono sopravvissuti. La popolazione di Aglesia inizia a essere inquieta, spaventata dal mistero di quelle morti e preoccupata per l’economia di quella zona dell’isola che è incentrata sulla pesca, e Tom diventa sempre più ossessionato dal suo incidente. Ma all’orizzonte ci sono dei cambiamenti e, nonostante sia incredulo di fronte a quella possibilità, capisce che quegli attacchi provengono da qualcosa più pericoloso di uno squalo: sirene. E, quando ne incontra una, la bellissima Leila, non può fare a meno di innamorarsene perdutamente… 
Questa è una di quelle storie delicate, ingenue, pure e magiche che fanno battere timidamente il cuore e sognare a occhi aperti. È quello che ho pensato immediatamente leggendo i primi capitoli del libro perché mi hanno fatto tornare indietro nel tempo, a quando si è adolescenti e tutto sembra incorrotto e avventuroso, quando si ha la consapevolezza che c’è tutto un mondo da scoprire che ci aspetta lì fuori, e che una storia di cui noi finalmente saremo i protagonisti ci attende dietro l’angolo. Ecco, questo è esattamente ciò che mi ha trasmesso questo libro: la speranza di far parte di qualcosa di bello e unico. Si sente, infatti, che è scritto da una persona giovanissima, che si affaccia ora nel vero universo della vita, e che ha messo in questa storia tutta la sua passione per la magia e l’amore per le parole.
Dividerei il libro in due parti: la prima più oscura, dove conosciamo Tom ed entriamo nella sua vita, dove veniamo condotti insieme a lui nel vortice acquatico di un mistero ammaliante e pericoloso, e la seconda più luminosa, dove viene sviluppato il rapporto tra i due protagonisti e si assiste alla nascita e alla crescita del primo vero amore, quello che ti porta a vivere solo per esso e a far girare le giornate intorno alla persona che ti fa provare quelle strane e intense emozioni indimenticabili. Io ho adorato la parte iniziale perché mi ha tenuto per tutto il tempo con il fiato sospeso in attesa di scoprire l’evoluzione delle vicende e perché Michele Vitale è estremamente bravo a descrivere una situazione di mistero puntellata da fugaci momenti romantici, ha un tocco magico che non ci si aspetterebbe da un autore, è più facile trovarlo in un’autrice, e mi ha totalmente stupito e incantato. Ma il libro non parla solo della storia d’amore tra Leila e Tom, molte parti sono dedicate anche alle indagini che Emhilton, il padre del ragazzo, la dottoressa Elizabeth e il poliziotto Jeshon svolgono per capire l’origine degli attacchi avvenuti in mare e la provenienza della strana squama ritrovata in ogni incidente; anche in questo caso, l’autore ha saputo destreggiarsi bene creando delle personalità adulte molto solide e marcate con situazioni ben costruite e studiate.
Lo stile di Michele Vitale è fluido e molto corretto, maturo, con parecchie pennellate poetiche ed evocative, attraversato costantemente da una sottile ironia che vela ogni dialogo, e infatti gli scambi di battute tra i vari personaggi sono spesso molto divertenti e lasciano un sorriso stampato in volto perché sembrano veramente presi dalla realtà; soprattutto, le parti che vedono coinvolti Tom ed Emhilton sono molto vivaci, ma anche i primi dialoghi tra lui e Leila hanno quest’impronta ironica che stempera le diverse situazioni che vivono. Leggendo questo romanzo, ci si trova davanti ad una narrazione leggiadra che scivola via rapidamente e che coinvolge il lettore sin da subito. È narrato in terza persona e segue più punti di vista, ma in modo talmente vivido e informale da risultare vicinissimo al lettore, non si sente la distanza, anzi ci si immerge subito nella vita di Tom e degli altri abitanti dell’isola e si entra con facilità nelle loro teste. Non mancano anche i colpi di scena ed è molto interessante la parte dedicata alle caratteristiche delle sirene, che nascondono sempre qualche sorpresa. Alcune descrizioni sono meravigliose, soprattutto quelle dedicate a Leila, e mi hanno fatto quasi commuovere per il loro epico romanticismo
Come Venere, emersa dalla spuma delle onde, così la sirena sbucò in superficie, con i biondi capelli imperlati d’acqua e la pelle liscia che risplendeva di purezza alla trasparenza della pioggia.
C’è forse qualche sbavatura linguistica ma di minima importanza, qualche risoluzione delle vicende magari troppo semplice, ma niente che penalizzi la storia, e con una limata le poche pecche potranno essere migliorate. Michele Vitale ha solo diciotto anni (e ci tengo a precisarlo perché è importantissimo), scrive benissimo, e io per prima sono rimasta stupita dalla sua bravura e dalla sua maturità nel raccontare e strutturare storie; è sicuramente un autore di talento che, con il tempo e l’esperienza, sono certa ci regalerà racconti fantastici.
I personaggi sono caratterizzati ottimamente e in pochi tratti decisi. Tom è il protagonista ed è un ragazzo simpaticissimo, una persona che si potrebbe tranquillamente incontrare in giro e con cui fare subito amicizia perché è serio, ironico, pragmatico e anche romantico. Leila è una meravigliosa e giovane sirena dalla personalità dolcissima e fiabesca, è estremamente sensibile e ama intensamente; una figura eterea e incantata. Poi, ci sono tutti gli altri: veramente ben approfondita la psicologia di Emhilton, che è un uomo buono e protettivo ma anche sveglio e desideroso di scoprire la verità; Lucinda, la madre di Tom, che è vivace ed estroversa, appassionata di cucina e chiacchierona; la dottoressa Elizabeth e Jeshon non hanno riscontrato particolarmente la mia simpatia perché sono entrambi troppo testardi e impiccioni, proprio invadenti, ma di certo le loro personalità sono esplorate sin nel minimo dettaglio; gli amici di Tom sono ugualmente approfonditi e si distinguono subito l’uno dall’altro, ma a me è piaciuto tantissimo Jackson, l’anziano vicino di casa di Tom, che mi è stato immediatamente simpatico e che nasconde più segreti di quanto si possa pensare.
La parte fantasy dedicata alle sirene in questo primo volume è presente ma non in modo marcato, tuttavia gli elementi che ci sono bastano a creare una storia interessante e coinvolgente e hanno stuzzicato la mia curiosità in men che non si dica. Il mondo acquatico è ancora molto oscuro e non vedo l’ora di scoprirne di più. In questo libro, l’autore si è concentrato maggiormente sulla figura di Leila, lasciando indizi qui e lì e originando anche parecchie curiosità che sono impaziente di soddisfare, soprattutto per quanto riguarda la vita in mare e il suo passato. Le sirene assassine responsabili degli attacchi in mare sono descritte in modo perspicace e inquietante e di certo su di loro voglio scoprire tante cose che per ora non vengono svelate ma che sicuramente avranno spiegazione nei seguiti.
La peculiarità del romanzo si può trovare anche nella sua ambientazione. Forse è questa la prima caratteristica che attrae il lettore, perché Michele Vitale ha deciso di collocare la sua storia in un paesaggio meraviglioso e suggestivo, ricco di zone affascinanti, e così l’atmosfera che si crea mentre si sfogliano le pagine è magica e delicatamente romantica. Un luogo quasi senza tempo. Sono rimasta molto colpita dalla sua capacità descrittiva e durante la lettura mi sembrava di essere veramente lì, insieme a Tom e a Leila. In particolare, ho trovato estremamente evocative le parti ambientate di notte, tra cielo, mare e stelle, e questo ha contribuito a plasmare il romanticismo puro che impronta tutto il romanzo.
Mermaid: la ragazza che veniva dal mare” è un romanzo ben scritto e appassionante e lo consiglio a tutti coloro che vogliono una storia d’amore dolce e dal sapore marino, in particolare alle giovani romantiche. Un piccolo sogno in mezzo all’acqua.

e mezzo cuore in più per questo magico urban fantasy popolato da sirene!