Recensione: PHOENIX. OPERAZIONE PARROT di Francesca Rossini

10:00

Buongiorno amici lettori!
Eccomi qui di nuovo con voi a parlare di letture assolutamente made in Italy. Il romanzo di cui vi parlerò oggi è un intreccio tra una spy story e un romance. Si tratta di Phoenix. Operazione Parrot di Francesca Rossini. 




Titolo: Phoenix. Operazione Parrot
Autore: Francesca Rossini
Editore: Lettere Animate Editore
Pagine: 219
Prezzo: € 1,99 (ebook)


TRAMA
1983. Un affascinante ed enigmatico agente dell'intelligence americana: Clay Nathan Hobbs, nome in codice Blue Shadow, coinvolge l'infermiera Leila Lane in una rocambolesca avventura in Europa sulle tracce di un agente del kgb, Egor Vinogradov, che ha un grosso conto in sospeso con lui. La comparsa in scena di una terza donna, l’agente segreto Rebecca Doyle, complicherà rapporti tra i protagonisti. Il terzetto dovrà tenere a bada i sentimenti per sventare un complotto ideato dallo spionaggio sovietico e la minaccia di conflitto atomico.


LA MIA RECENSIONE
Non è tra i miei generi preferiti, né per i libri né per i film, ma ogni tanto una bella spy story non mi dispiace. 
Phoenix è un bel romanzo, molto "di intrattenimento", che ha saputo incuriosirmi con la sua storia. Facciamo un salto indietro nel tempo. E' il 1983, il Muro di Berlino è ancora su, la Germania è ancora divisa tra est e ovest e la Guerra Fredda tra gli Stati Uniti d'America e la Russia è ancora pericolosamente attiva. Lo spionaggio è in uno dei suoi momenti di maggior lavoro. Clay Hobbs è una spia americana che col nome in codice di Blue Shadow ha saputo creare non pochi problemi ai sovietici. Il suo nuovo incarico è quello di prelevare da un ospedale di Washington l'agente del KGB Egor Vinogradov, sua vecchia conoscenza. Un giochetto da ragazzi per il leggendario Blue Shadow che, aiutato dall'infermiera e informatrice Leila Lane, si mette subito in azione. Tuttavia un incarico da poco si trasforma presto in un pericolosa avventura per Clay e Leila, portandoli a viaggiare per mezza Europa fin oltre la cortina di ferro per cercare di smascherare un complotto pericoloso per le alleanze americane nel vecchio continente.
La storia ha tutto il fascino di un romanzo vecchio stampo, con gli intrighi politici, le spie che sotto lo smoking d'ordinanza nascondono qualsiasi congegno per intercettare e ascoltare, le fughe rocambolesche. Il tutto è poi condito da molti dettagli che mi hanno fatto pensare ad una approfondita ricerca sugli eventi di quegli anni; dettagli che però non rendono la storia scontata ne tantomeno noiosa. 
All'inizio temevo un po' l'effetto James Bond, ma alla fine non l'ho percepito. 007 e Clay potranno pur essere simili nella loro spavalderia da uomini tutti d'un pezzo, ma non lo sono come personaggio. Clay è infatti un protagonista in realtà dalle mille sfaccettature: è un agente arrogante, un playboy incallito, un assassino spietato, un ragazzo traumatizzato dalla guerra in Vietnam e, perché no, un uomo spiazzato dai propri sentimenti. All'inizio mi sembrava il classico "troppo bello per essere vero", bellissimo, sempre elegante, con l'occhio giusto, il capello giusto, la macchina giusta. Poi però, piano piano, quasi casualmente iniziamo a scoprire piccoli dettagli del suo passato che ce lo fanno riscoprire come personaggio e capire molto meglio.  Vediamo un po' oltre quella barriera glamour che inizialmente sembra caratterizzarlo. 
Leila è il pesciolino fuor d'acqua nel mondo di Clay, è una mamma, un'infermiera, ha una sorella problematica, una vita sentimentale disastrosa. Chiusa in questa vita comune, nella sua routine, Leila diventa informatrice per il governo americano e aspira a diventare una vera e propria spia. Nel romanzo viene mostrato più volte il suo lato forte, la sua intelligenza e anche la sua testardaggine. Mi ha convinto meno come personaggio perché nei momenti in cui guarda Clay mi cade nel cliché del quanto è bello quanto è bello, ma è sinceramente l'unico appunto che mi sento di fare.
Per il resto devo dire che la storia è scritta veramente bene, con qualche refuso qua e là. Scorrevole, avvincente, si legge tutto di un fiato. Spero in un secondo libro con Clay e Leila come protagonisti, per vedere come prosegue la loro storia ma anche per immergermi ancora in una bella storia di spie e complotti!

Voto



Alla prossima



Ti potrebbe anche interessare

1 commenti

  1. Vi ringrazio ancora per la splendida recensione e ... volevo annunciare che è uscito il secondo e ultimo volume della serie Phoenix :-)

    RispondiElimina