lunedì 30 marzo 2015

Recensione: Mani calde - Giovanna Zucca

Titolo: Mani Calde
Autore: Giovanna Zucca
Editore: Fazi Editore

Pagine: 250
Prezzo: € 14,00 (cartaceo)

TRAMA
Davide ha nove anni e non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola, la mamma insiste e quel banale tragitto tra l'abitazione e il negozio si rivelerà fatale. In coma, nel sonno in cui è costretto, Davide sente e "vede" le persone distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di chiacchiere in corsia, di infermiere e lotte fra medici, come quel "dottore antipatico" che tenterà l'impossibile per salvarlo. Un legame speciale fatto di empatia e sensazioni destinate a durare si formerà fra il medico e il ragazzino: eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, bravissimo nel proprio lavoro ma incapace di gestire ogni genere di rapporti umani; l'altro è pieno di vita ma immobile su un letto. Una storia semplice, dall'emozionante lieto fine, è al centro di questo romanzo a più voci che dà spazio ai sentimenti e ai tanti diversi personaggi che si ritroveranno uniti di fronte alla sofferenza. Il dramma dei pazienti e del loro amore per la vita in un libro forte, tenero, poetico. 

RECENSIONE

Il dottore cattivo avvicina la sua testa verso di me, mi tocca la fronte e... ha le mani calde.
Uh! Che fortuna, se ha le mani calde non può essere tanto cattivo!"

“Mani calde” è un romanzo adorabile e dolcissimo che vi scalderà il cuore.. Prendetelo e lasciatevi coccolare! E’ stato un amore a prima cover e devo dire azzeccatissima!!
E’ la storia di Davide, nove anni, che in seguito ad un bruttissimo incidente è in coma. In questa condizione però, riesce a sentire e capire ciò che gli succede attorno in ospedale e a “dire la sua”. E’ un romanzo corale, in cui diversi protagonisti raccontano la vicenda e sono tutte ben costruite: Davide in primis, che parla con l’innocenza e la dolcezza di un bimbo di 9 anni, con gli occhi pieni di fiducia nel mondo e nelle persone.. Il dottore ‘Cafone’, che però ha le mani calde e quindi non può essere cattivo, un personaggio un po’ stronzo, con tanti sbagli alle spalle e soprattutto amarezza, la mamma e il papà di Davide, distrutti dal dolore e dal senso di colpa, i nonni, gli infermieri.. Un quadro variegato ed equilibrato e da ognuno di loro ricaviamo informazioni importanti sugli altri personaggi, soprattutto sul Dottore Cafone che, dopo Davide, è in assoluto il mio personaggio preferito. Davide infatti, dal suo coma, opererà una magia: lo trasformerà in un essere umano e smetterà di essere sgradevole, irascibile, presuntuoso, cattivo. Detto così sembra essere una cavolata, ma vi giuro.. E’ una cosa dolcissima!! *_* 
Ci sono stati momenti dolorosi, non lo nego. E magari sto invecchiando però cavoli, a volte certi lucciconi a leggere! Forse i momenti più dolorosi sono i POV della mamma e del papà che si colpevolizzano (è la mamma ad insistere con Davide per uscire e andare a comprare le cose per scuola, quando avviene l’incidente.. Ed è il papà che si sente poco presente), che vorrebbero essere al posto del loro figlioletto e rimpiangono tante cose, come ad esempio non aver comprato il cane a Davide, nonostante lo chiedesse tanto. Insomma, una pena che non vi dico :( 
Molto tenero l’amore della famiglia di Davide e il modo in cui viene mostrato.. Piccole cose, piccoli gesti, piccole accortezze.. Mi si è sciolto il cuore!!
Tra l’altro l’autrice prima di essere scrittrice è infermiera strumentista e aiuto-anestetista e si sente che non spara idiozie ma che conosce bene l’ambiente.. Mi è piaciuta molto la parte ambientata in ospedale per la sua vividezza e veridicità.. :) (E’ anche appassionata di filosofia e.. Bon, mi è piaciuto anche come sia riuscita a mostrare questa sua passione attraverso il personaggio di Patti..!!)

Dicono che sono uno stronzo e un po’ è vero, e mi piace anche essere stronzo, dato che se non fossi stronzo non saprei proprio cos’altro potrei essere. Mi porto a spasso la stronzaggine come un vestito.

Secondo me si sbagliano tutti, non hanno capito che lui fa solo finta di essere cattivo. Mi ha coperto quando sentivo freddo, e anche il mio braccio, quello che restava sempre fuori perché ha tutte le bottiglie attaccate, lui l’ha preso e l’ha messo sotto le coperte, e mica l’hanno fatto tutti… Gli altri si dimenticavano sempre di questo braccio che restava al freddo.

Allora gli dico che fare il padre è facile. Un papà aggiusta i giocattoli quando si rompono, mette a posto la pista delle macchinine quando non hai voglia, ti insegna ad andare in bici senza rotelle e porta le cose pesanti tipo l’acqua dal garage in cucina, o sposta i mobili per cercare la pallina che è caduta dietro. Poi un papà ti dice che sei bravo anche quando a calcio hai fatto perdere tutta la squadra e dice a mamma che la macchia sul muro c’era già da prima, mentre non è vero, e ti dice che non importa se non hai preso dieci.

Uno non può restare tutta la vita un ghiacciolo insensibile e distaccato. Prima o poi viene sempre il momento di mandare affanculo il tuo carattere e scoprirti diverso da quello che finora avevi pensato di essere.
 



 

sabato 28 marzo 2015

C'è post@ per noi... #87


Buongiorno lettori e buon sabato,
Anche oggi vi presentiamo 3 fantastiche segnalazione. Prendete carta e penna e segnatevi queste uscite. 







Iridiumdi Chiara B. D’Oria & Marika Cavaletto


Titolo: Iridium
Serie(#2 St. Jillian Saga) 
Autore: Chiara B. D’Oria & Marika Cavaletto
Editore: Selfpublishing
Prezzo: 2,99€ ebook, cartaceo (prossimamente)
Pagine: 349 (ebook) p. 545(cartaceo)
Data pubblicazione: 07 Marzo 2015
Codice ISBN: 9786050361407
Genere: Paranormal Romance

Trama

<Essere un cacciatore comporta l’abbandonare la tua vita perché quella degli altri, quella di coloro che devi salvare, è più importante. Essere cacciatore comporta scordarsi di se stessi e perdersi tra il sangue e le battaglie, aspettando con paura e speranza il giorno seguente. [...]
È un mondo difficile quello che ci circonda e noi forse lo sappiamo fin troppo bene. Vieni travolto, scaraventato, schiacciato dalle responsabilità che questo incarico comporta e ben presto arriverà il momento in cui ti chiederai il perché. Perché proprio a me? E non avrai una risposta. Una risposta non c’è.>

C’è un momento nella vita di ognuno di noi in cui ci si trova davanti a una scelta.
Cosa fare. Dove andare. Chi abbandonare.
C’è un momento nella vita di ognuno di noi in cui non si può più scegliere. Ed è in quel preciso momento che il Destino comincia a giocare.

In questo nuovo capitolo della St. Jillian Saga, i nostri protagonisti si troveranno ad affrontare ciò che hanno sempre temuto: la consapevolezza che la Morte ci cambia nel profondo e che l’Amore non è un’àncora di salvezza, ma il peso che ti affonda.
Mentre la guerra fra vampiri, lican e Cacciatori diventa sempre più violenta, una Profezia avrà il potere di cambiarne le sorti. Ma il Destino, questa volta, chi pretenderà in cambio?


Per saperne di più sulle autrici: 
Chiara e Marika hanno vissuto praticamente in simbiosi sin dalla prima elementare. Nonostante abbiano caratteri completamenti opposti, sono sempre state assieme, migliori amiche, unite contro tutto e tutti.
Nate entrambe nel '91, a sei mesi esatti di distanza, hanno un amore sconfinato per i libri e la scrittura. Dopo l'università e l'erasmus, avrebbero voluto trasferirsi assieme in Scozia, ma il Destino ha deciso diveramente. Chiara ora studia alla Scuola Holden di Baricco, a Torino, mentre Marika sta frequentando un master del Sole 24 ore, a Roma.


Link Utili
Acquista il libro su: Pagina Facebook| E-mail:lithiumbook@gmail.com  twitter: : @Lithium_SagaBlog della saga



Sul fine di Agostodi Laura Caterina Benedetti


Titolo: Sul fine di Agosto
Autore: Laura Caterina Benedetti
Editore: Autopubblicazione
Prezzo: €1,80 (ebook)
Pagine: 357 p.
Anno di pubblicazione:  Marzo 2015
Genere: Romance contemporaneo, autoconclusivo

Trama
Agosto 2013, Torino
Morgana Rinaldi è appena rimasta vedova: suo marito Hugo è morto a ventisei anni e l'ha lasciata in gravi difficoltà. Dopo il funerale si presenta alla giovane un soccorso inaspettato nella persona di Lorenzo Goldstein, deciso ad ogni costo ad aiutarla per riparare agli errori del fratello minore. L'uomo si offre di ospitarla per qualche tempo nella sua villa in collina dove lei, troppo orgogliosa per tornare subito dai genitori, potrà riprendere il controllo della propria vita...
Tra maliziosi battibecchi e malinconiche confidenze, giorno dopo giorno i due protagonisti impareranno a conoscersi e, molto presto, scopriranno che è assai difficile resistere all'attrazione che li spinge uno tra le braccia dell'altra.
Sullo sfondo della bella Torino, nella cornice di un'elegante dimora, si snoda una storia di affetto e passione all'ombra di uno sconvolgente segreto familiare.

Parlando dell'autrice:
Non amo molto parlare di me, perciò dirò solo che sono piemontese e che ho due passioni predominanti: leggere e, naturalmente, scrivere. Ho iniziato a 14 anni quando mi hanno regalato il computer e non mi sono più fermata - si vede che il richiamo della tastiera è stato più forte di quello di carta e penna! A ottobre del 2012 ho iniziato l'esperienza del self-publishing, prima su Amazon e poi, a maggio del 2013, anche su Kobo; i miei lavori spaziano in generi diversi, ossia ciò che mi è venuto da scrivere in quel preciso momento. Rosa non erotici di gradazione più umoristica o più melodrammatica, noir, storie in costume... io mi sono lanciata in tante direzioni e saranno le lettrici e i lettori a giudicare! A gennaio 2014 è uscito, con la Genesis Publishing, il noir "Katriona", la mia prima pubblicazione con una casa editrice. Dalla fine del 2013 collaboro con la rivista online "Eclettica", una sorta di blog in pdf che, a scadenza irregolare, esce con vari articoli legati al mondo della letteratura, dell'arte, del cinema, etc: io curo la rubrica "Libri Vintage".


Link Utili
 Amazon|  Kobo





La figlia della Vendetta di Giada Bafanelli



Titolo: La figlia della Vendetta
Autore: Giada Bafanelli
Editore: Autopubblicato
Prezzo: € 1,49
Anno di pubblicazione: 29 Marzo 2015

Trama
Una profezia di morte scuote Asgard dopo secoli di pace: qualcuno tradirà gli dei, e scorrerà il sangue di molti innocenti. 
Mentre Loki viene additato come traditore e Idun si trova invischiata negli intrighi di una corte di cui non le importa nulla, le valchirie, guidate dalla coraggiosa Brunilde, escogitano in segreto un piano per fuggire dalla città degli dei. E Sif, divisa tra l’amore nei confronti di chi l’ha salvata e il desiderio di vendetta, rischierà di cambiare per sempre il destino degli Æsir.




"La voce di Sváva era forte e cristallina, e la valchiria non tentennò neanche per un attimo. Brunilde si sentì riempire il petto di orgoglio: era fiera di lei e di tutte loro, ed era fiera di morire al loro fianco."



Parlando dell'autrice: 
Giada Bafanelli ha 26 anni e adora inventare e scrivere storie, perdersi tra le pagine dei libri e comporre melodie medievaleggianti.
La figlia della vendetta” è il suo romanzo d’esordio.

Gestisce il blog letterario Pagine Magiche


Link Utili
Acquista il libro su: TwitterBlogPagina Facebook

***

Spero che i romanzi che vi ho proposto vi incuriosiscano ^_^ a presto!
Buona giornata!!


giovedì 26 marzo 2015

Recensione: UNA LUNGA ESTATE CRUDELE di Alessia Gazzola

Buongiorno cari lettori e ben ritrovati nel nostro angolo!
Oggi vi propongo la recensione di una delle ultime uscite italiane che ho letto, Una lunga estate crudele di Alessia Gazzola.
Come sempre, cominciamo dai dati del libro.



Titolo: Una lunga estate crudele
Autore: Alessia Gazzola
Editore: Longanesi
Pagine: 380
Prezzo: € 16,40

TRAMA
Alice Allevi, giovane specializzanda in medicina legale, ha ormai quasi imparato a resistere a tutto. Da brava allieva, resiste alle pressioni dei superiori, che hanno pure avuto la pensata di affidarle la supervisione di una studentessa - a lei, che a fatica supervisiona se stessa. Resiste alle sindromi che spesso affliggono il suo cuore in sospeso, diviso, e non sempre per colpa sua tra due uomini tanto affascinanti quanto agli opposti esistenziali e caratteriali. Arthur, diventato "innominabile" per Alice dopo troppe sofferenze. E Claudio, il medico legale più rampante dell'istituto e forse dell'Italia intera, bello e incorreggibile. Alice resiste, o ci prova, all'istinto di lanciarsi in folli teorie ogni volta che, segretamente, collabora alle indagini del commissario Calligaris. Il quale, stranamente, sembra nutrire più fiducia in lei di quanta ne abbia lei stessa. Ma è difficile resistere a tutto questo insieme quando, nell'estate più calda da quando vive a Roma, Alice incappa in un caso che minaccia di coinvolgerla fin troppo. Il ritrovamento del corpo di un giovane attore teatrale, che si credeva fosse scomparso anni prima e che invece è stato ucciso, è solo il primo atto di un'indagine intricata e complessa. Alice deve fare così i conti con una galleria di personaggi in apparenza limpidi e sinceri, ma che dietro le quinte nascondono cose inconfessabili. Ma Alice lo sa: nessun segreto è per sempre...



LA MIA OPINIONE
Ogni volta che esce un nuovo romanzo di Alessia Gazzola, per me è come se arrivassero i parenti dall'America: metto tutte le letture in pausa e mi dedico soltanto al nuovo romanzo, ed il tempo passato immersa in questa lettura è sempre troppo breve.

Dall'ultima volta, poco è cambiato nella vita di Alice: è ancora una specializzanda in medicina legale un po' pasticciona che convive con la sua ex o forse quasi cognata Cordelia, il suo cuore vive ancora in sospeso tra Claudio e Arthur ma soprattutto il suo intuito investigativo e la sua passione per le indagini la portano ancora acollaborare con il fido Calligaris per una nuova indagine.
Quando in una stanza nascosta nel Teatro del Bardo dell'Avon, dove si recitano soltanto opere shakespeariane, viene scoperto il cadavere mummificato di un attore che era considerato scomparso da più di vent'anni, Alice si mette nuovamente all'opera insieme all'ispettore per scoprire la verità su quello che ha tutta l'aria di essere un omicidio.
Un altro cold case incrocia la strada di Alice, che stavolta si ritrova coinvolta nel mondo del teatro, tra persone e personaggi, misteri e vecchi segreti che poco a poco riportano a galla un passato che alcuni avrebbero voluto continuare a nascondere o dimenticare...

Ritrovare Alice, come sempre persa nel suo Paese delle Meraviglie, anche questa volta è stato un piacere. La dottoressa Allevi è ritornata a bussare alla mia porta come una vecchia amica e anche stavolta non mi sono potuta tirare indietro, abbiamo per forza dovuto passare del tempo insieme.
Ad un anno dall'uscita di Le ossa della principessa, Alessia Gazzola ha costruito una nuova avventura molto interessante per Alice, ambientate in una caldissima estate romana.
Il mondo del teatro è complicato, ha i suoi intrecci che è difficile districare, soprattutto quando si tratta di fatti avvenuti da molti anni e che qualcuno voleva nascondere, altri dimenticare. Ma anche stavolta Alice non si tira indietro, anzi, nelle indagini con Calligaris diventa più propositiva, tanto che lo stesso ispettore la incarica di interrogare alcune persone informate sui fatti e lei non si lascia sfuggire l'occasione.
Sul fronte sentimentale, i chiarimenti sono stati pochi: La storia con Arthur forse non è ancora definitivamente finita, e lui continua ad uscire e rientrare nella vita di Elis quando lei meno se lo aspetta, mentre dall'altra parte il dottorConforti le tenta tutte per convincerla a stare al suo gioco. Ma alla porta di Alice si è affacciato anche un altro uomo molto affascinante, che potrebbe essere una persona che la aiuti ad uscire da questa impasse oppure potrebbe arrivare a complicare ancora di più il paesaggio sentimentale già molto caotico della nostra protagonista.
Scegliere è difficile e Alice non sa ancora cosa vuole. La verità è che Arthur e Claudio sono due persone molto diverse, che la fanno stare bene in modo diverso ma che non hanno mai mancato di farla stare anche male. 

Anche stavolta Alice è chiamata a risolvere misteri sul piano professionale, ma certo quelli sentimentali non sono da meno e anche stavolta la lettura di questo romanzo è stata coinvolgente a appassionante. Leggendo i romanzi di Alessia Gazzola mi accorgo sempre di più di quanto questa autrice sia brava a mixare due generi completamente opposti (chic-lit e giallo), stemperarli l'uno nell'altro fino a creare qualcosa di nuovo che me piace moltissimo.
Tirando le somme di questa lettura, devo dire che anche questa volta sia l'autrice che la sua protagonista sono riuscite a stupirmi e a conquistarmi.
Una lunga estate crudele mi ha ricordato quanto mi era mancata Alice durante quest'anno, con la sua goffagine ma anche il suo talento per le indagini, un personaggio che da quando l'ho incontrato per la prima volta è cambiato pur rimanendo sempre la stesso, è cresciuto e ci ha fatto scoprire molti lati di sé, così come Alessia Gazzola è cresciuta come autrice, il suo stile è diventato più ricco, fluido, ma non ha perso la semplicità e l'immediatezza che sin da L'allieva lo hanno caratterizzato.

Se cercate un giallo avvincente, che sappia tenervi compagnia ma che vi regali anche sei personaggi a cui affezionarvi, allora questa è la serie che fa per voi. Io me ne sono innamorata e non posso fare a meno di consigliarvela!




martedì 24 marzo 2015

C'era una volta... #5


"C'era una volta...". È così che hanno inizio alcuni dei racconti più importanti della nostra vita. Quasi fossero parte di una formula magica, queste parole hanno il potere di rinnovarsi e volgersi al presente ogni volta che vengono pronunciate o lette.
Nel tentativo di regalarvi un briciolo di magia, abbiamo ideato la rubrica "C'era una volta..." per condividere gli incipit più belli e suggestivi dei libri che abbiamo letto.

Buongiorno, Lettori! Oggi vi propongo le prime pagine di un libro che ho finito pochi giorni fa. Era una lettura che mi mancava e sono contenta di averla recuperata e di potervela, in qualche modo, proporre.

Gens Arcana

Cecilia Randall

Contado di Firenze, ottobre 1477

Padre Simplicio, l'abate del monastero benedettino di San Giuliano ai Prati, strinse nella mano il rosario di legno. Non riusciva a controllare il tremito della voce, mentre sussurrava forse per l'ennesima volta l'Ave Maria. Aveva trascorso un tempo infinito al centro del cortile, a una ventina di passi dalla grande porta chiusa del refettorio. Gli faceva male la schiena, affaticata dal ventre troppo ampio per la sua bassa statura; gli facevano male anche i piedi, eppure non si allontanava, vigilando perchè nessuno dei suoi confratelli trasgredisse i suoi ordini e si avvicinasse al refettorio sigillato. Allo stesso tempo temeva ciò che poteva uscire da quella porta.
Trasalì quando uno scossone fece vibrare persino il tetto del refettorio, oltre ai muri di pietra grezza. Tremarono le imposte delle finestre serrate e gemettero i cardini della porta, come se una folata di vento rabbioso spingesse dall'interno dell'edificio.
Dal filare di ulivi alla destra della costruzione rettangolare si alzarono in volo passeri spaventati, per disperdersi poi nel cielo terso, sopra i tetti della chiesa e dei dormitori. Il frullo d'ali fu l'unico rumore a rompere il silenzio profondo caduto sul panorama assolato e tranquillo. L'agglomerato del monastero era immobile, stretto come un gregge spaurito intorno al campanile, in una distesa marrone e verde di campi arati, prati e frutteti.

Spero di aver suscitato la vostra curiosità,
fatemi sapere: avete già letto questo romanzo?



sabato 21 marzo 2015

C'è post@ per noi #86


Buongiorno lettori! Questo weekend vi presento quattro nuovi romanzi made in Italy nel nostro spazio settimanale del c'è post@ per noi



Autore: Alessia Litta
Titolo: Vite sospese
Genere: Urban Fantasy (autoconclusivo)
Pagine: 196
Editore: Triskell Edizioni
Data di pubblicazione: 15 ottobre 2014
Formati: pdf, epub, mobi
Prezzo: ebook (in tutti gli store online) 2,99€ - cartaceo (Amazon) 7.51€
Trama: Nico è un Agente tormentato dal suo passato doloroso, chiamato a indagare sulla sparizione di alcuni membri della Comunità Magica alla quale appartiene, una Comunità che raduna gli individui con abilità speciali e li guida al controllo dei loro poteri.
Marta è una donna che si risveglia nel cuore della notte in un parco della Capitale con i vestiti sporchi di sangue e senza ricordi di quanto accaduto.
Le loro storie si scoprono strettamente connesse quando i poteri di Tracciatore di Nico lo conducono proprio da Marta. Eppure qualcosa non torna. La fragilità della donna e la sua incapacità di liberarsi del dolore per la perdita della sorella sembrano incompatibili con l’immagine del killer che ha prosciugato le Unità Magiche di ogni loro energia. Tuttavia, la polizia, che è riuscita a mettere le mani sul corpo dell’ultima vittima, non ha dubbi: per loro è Marta la colpevole.
Nel tentativo di recuperare la memoria riguardo a quanto le è accaduto, Marta scoprirà la tremenda realtà che c’è dietro i suoi vuoti di memoria.
Marta e Nico dovranno combattere spalla a spalla per cercare di mettere in salvo L’Oracolo, l’oggetto sacro che mantiene l’equilibrio dell’intera Comunità Magica, e guadagnarsi una seconda possibilità per essere felici.

Biografia: Alessia Litta nasce a Roma il 7 giugno 1974. Dopo gli studi liceali, lavora come web designer e in seguito come documentaliste presso l’Agenzia Spaziale Europea. Nel 2006 si trasferisce in Germania e alla fine del 2008 nel sud della Francia, dove vive tuttora. Amante della scrittura fin dall’adolescenza, ha sempre sognato di fare la scrittrice, ma solo da qualche tempo ha deciso di adottare un approccio più serio. Il suo racconto “Zaira” è stato inserito nell’antologia “Lupus in fabula”. Oggi impegna il suo tempo scrivendo, leggendo (tanto) e fotografando la natura che la circonda.

Link utili:



Titolo: MP3 
Autore: Pierluigi Agnelli
Editore: Triskell 
Pagine: 134 pagine
Prezzo: cartaceo 5,49 € (disponibile solo su Amazon) - ebook 3,99€ su tutti i principali Store e nel sito della casa editrice www.triskelledizioni.it

Sinossi: Andrea Ferodi è un broker finanziario navigato che ha passato da tempo la quarantina d’anni. Questo pomeriggio decide di non andare in ufficio, lui è il migliore, può farlo. Questo pomeriggio è tutto suo, deve prendere una decisione importante. Deve decidere se porre fine alla storia d’amore che lo lega da molti anni ad una donna, una storia emozionante, ma intrisa di tradimento e sofferenza. Per fare ciò, ripercorre quelli che sono stati, veri o presunti, gli amori della sua vita.
Una panchina fronte lago, le cuffiette dell’Mp3 conficcate nelle orecchie, la potenza evocativa della musica, dai Bee Gees a Max Pezzali, dai Wham ai The Clash, dai Led Zeppelin a Bob Marley, ecc. I brani scorrono nella modalità “casuale” e per ognuno parte un ricordo al femminile: l’amica del cuore, l’ex moglie, la compagna attuale, la madre, l’amante, la bimbetta dell’asilo, il primo amore delle scuola elementare, la nonna, la prima volta durante l’occupazione della scuola…Ricordi come lampi, flashback che arrivano quasi da soli.
Un uomo e il suo universo femminile con cui fare i conti, con cui fare pace. Sensazioni, emozioni, dolori, speranze. Il genere maschile e quello femminile, strutturalmente incompatibili, ma intrinsecamente legati. Quando le emozioni corrono lungo le note musicali. Alla fine deciderà di provare a vivere fino in fondo la sua storia d’amore nonostante la donna che ha accanto non sia più “l’amore” di una volta, l’amore che gli aveva stregato il cuore, nonostante questo significhi ristrutturare il tutto. Un testo da leggere con le cuffiette di un Mp3 conficcate nelle orecchie ascoltando i brani abbinati ai racconti.
  
Link utili: 
Casa editrice 

Pagina Facebook






Titolo: Per me si va nella città dolente (Anorexic history X)
Formato: e-book
Editore: Autopubblicato su Youcanprint
Sinossi: Questa è la storia di Roberta, 21 anni, occhi di un azzurro cielo che fa tanto primavera e che a dispetto persino di se stessa, è viva. A dispetto di chi scommetteva inconsciamente su quanti mesi o settimane o giorni le sarebbero restati da vivere. Lei, il suo maledetto amore, l'ha conosciuto esattamente sette anni fa. Lei era il suo dolce vizio, una consolazione, una maledetta trappola: si chiama disturbo del comportamento alimentare. In questo romanzo viene presentata una corolla di emozioni, cadute, promesse, riprese: la ragazza risalirà la corrente della vita lentamente ma tenacemente, proprio come un salmone, verso quell'agognato equilibrio perduto. Roberta imparerà così quanto sia bello riuscire a fidarsi di qualcuno e assaggiare il proprio "Io". La musica citata dei Garbage, di Renga, Ligabue, Elisa, Zero, Ferro e di altri serpentina delicatamente tra questo vortice di parole. 

Link al sito: 


  • Biografia: Sono nato nel maggio 1961, vivo a Brescia e sono insegnante di filosofia in un liceo della stessa città. 
    Ho già pubblicato un romanzo fantasy con la prefazione alla seconda edizione di Silvana De Mari, la scrittrice di fantasy più tradotta all’estero. Tengo lezioni nelle scuole medie e biennio delle superiori sui significati psicologici delle fiabe e sugli archetipi del fantasy.


  • Titolo: Phoenix
  • Autore: Francesca Rossini
  • Genere: thriller romantico
  • Editore: Lettere Animate
  • Formato: formato Kindle
  • Lunghezza di stampa: 219 pagine
  • Sinossi: 1983. Un affascinante ed enigmatico agente dell'intelligence americana: Clay Nathan Hobbs, nome in codice Blue Shadow, coinvolge l'infermiera Leila Lane in una rocambolesca avventura in Europa sulle tracce di un agente del kgb, Egor Vinogradov, che ha un grosso conto in sospeso con lui. La comparsa in scena di una terza donna, l’agente segreto Rebecca Doyle, complicherà rapporti tra i protagonisti. Il terzetto dovrà tenere a bada i sentimenti per sventare un complotto ideato dallo spionaggio sovietico e la minaccia di conflitto atomico.

Biografia: Sono nata trentasette anni fa in un paese nel verde della provincia romana, sulle rive del lago di Bracciano, dove tutt’ora vivo. Sono un’insegnante con una passione sfrenata per i libri. Dopo aver passato una vita a leggere mi sono tuffata nell’avventura della scrittura, Phoenix è il mio romanzo d’esordio pubblicato da Lettere Animate.

Qualche titolo ha colpito la vostra attenzione? Un thriller romantico non mi era mai capitato sotto mano e penso sia proprio interessante!


giovedì 19 marzo 2015

Recensione: "SPACE RUNNERS" di Daniele Federico

Titolo: Space Runners
Autore: Daniele Federico
Editore: autopubblicato
Data: 16 ottobre 2014
Pagine: 96
Prezzo: ebook - € 0,99

Trama:
Nove giugno 2234. La nave da ricognizione Mercury ritrova presso la galassia di Larterus una navetta monoposto di origine terrestre; al suo interno un essere umano criogenizzato. 
In un mondo in cui i sentimenti sono oramai dimenticati, il comandante Haven si trova faccia a faccia con Daniel, un ragazzo privo della sua memoria e proveniente da un'altra epoca. 
Le seguenti indagini svelano gli avvenimenti e lo scopo della missione "Space Runners" a cui Daniel aveva preso parte. Una missione che interessa al comandante molto più di quanto egli creda...


2234. Il rapporto WSA della nave da ricognizione Mercury, scritto dal comandante Haven, riporta il ritrovamento di una navetta monoposto dalla forma ellissoidale, la cui superficie è ossidata e piena di ammaccature. Sulla fusoliera dell'astronave è stato ritrovato un vecchio simbolo della WSA e all'interno del mezzo un uomo criogenizzato.
Recuperato l'hardware della navetta, viene avviato il procedimento per il recupero dei dati, ma molte aree risultano irrecuperabili.

Daniel ha scelto di diventare space runner. Allocato all'interno di una navetta in cui è impossibile qualsiasi movimento, è in missione per la WSA. Insieme a lui, in un'altra astronave, si trova Claire. Nonostante la distanza fisica, salto dopo salto, i due si tengono in contatto confortandosi a vicenda e scoprendo sempre più le rispettive emozioni e sentimenti.

Space Runners è un racconto breve, ma intenso, che si sviluppa attraverso due narrazioni che si alternano e intrecciano fino a diventare un'unica storia. Entrambe le vicende hanno luogo nello spazio, ma si collocano in piani temporali diversi.
Il 2234 diventa il presente di riferimento per il lettore, che viene messo al corrente degli eventi a bordo della Mercury dai rapporti redatti dal comandante Haven. Come ci si può aspettare da un rapporto militare, il registro è formale e la narrazione, pur essendo dettagliata, è asciutta e asettica.
Il comandante non manca di allegare ai fascicoli i dati ricavati dall'hardware e successivamente alcune registrazioni. A questo proposito non posso nascondere di essermi spaventata un po' davanti al primo "ATTACHMENT": si presenta come una serie di parole e simboli apparentemente privi di senso e ho seriamente temuto che il mio ereader fosse danneggiato. In realtà, si tratta di un espediente piuttosto efficace.
Parallelamente viene raccontata l'avventura di Daniel, una missione precedente al ritrovamento della navicella. Anche in questo caso, la scelta stilistica è particolare: la narrazione si sviluppa, infatti, quasi interamente attraverso i dialoghi di Daniel e Claire, interrotti dai controlli del computer, dai comandi relativi e dai salti spaziali.


Il desiderio di arrivare laggiù è troppo forte. So quanto i miei hanno sofferto per questa mia scelta. Per loro ho provato a zittire questo desiderio più di una volta. Ma è sempre riemerso più assordante di prima.
Non mi ha lasciato scampo.


Questa parte del racconto, insieme al finale, è sicuramente quella più coinvolgente a livello emotivo. Purtroppo non mi ha appassionata come avrei desiderato; sicuramente è un limite personale perché preferisco conoscere gradualmente i personaggi e instaurare con loro un rapporto pagina dopo pagina. In un racconto così breve è naturale che manchino molti particolari, molte informazioni che, invece, avrei preferito avere, anche a conferma delle mie intuizioni.
Mi sento di fare un unico appunto all'autore e riguarda la presenza di qualche refuso: Space Runners è un racconto originale sotto molti aspetti, un'opera apprezzabile ed è un peccato che una lettura tanto piacevole venga intaccata da qualche virgola dimenticata.
Altro punto a favore: la cura della grafica del libro.



martedì 17 marzo 2015

Recensione: Chiamami Legione di Carmine Caputo

Buongiorno lettori e lettrici! Oggi vi presento uno urban fantasy molto originale, edito da Sesat Edizioni, che mi ha incuriosito parecchio. A voi il giudizio finale!



Autore: Carmine Caputo
Editore: Sesat Edizioni
Pagine: 456
Formato: kindle
Prezzo: € 4,99

Trama:
Le tanto attese vacanze sono arrivate e Ester e Priscilla, due amiche bolognesi con caratteri agli antipodi, si preparano per un viaggio a Corfù. Il programma è facile: noleggiata un’auto, basta scendere a Brindisi per il traghetto ma, quando sbagliano l’uscita autostradale finendo nei pressi di un cimitero a Statte, in provincia di Taranto, alle due giovani accade qualcosa d’inatteso e d’inimmaginabile. Le ragazze, apparentemente scomparse e coinvolte inconsapevolmente in un traffico di rifiuti tossici, vengono catapultate nel regno di Apul, in un futuro remoto arretrato tecnologicamente in cui le persone sono rese irriconoscibili e mutate a causa di secoli di involuzione. Il regno è sconquassato da conflitti interni e in particolare la popolazione di gnomi che le ospita, gli Sparatrapp, teme l’invasione da parte delle orde dei malvagi Mucidi.
Le ragazze, con il loro sapere e la loro forza fisica straordinaria rapportata a quella delle minute e deboli popolazioni, rappresenteranno una vera rivoluzione per il regno che vedrà in loro le messaggere della Conchiglia Rosa. E così, accettato il nuovo singolare destino, Ester e Priscilla si imbarcheranno nell’imponente missione di salvare Apul riuscendo a coalizzare razze e tribù diverse e a riportare fra le popolazioni la voglia di vivere che sembrava perduta.

La mia recensione:
Due amiche, pronte a partire per le tanto agognate vacanze estive, partono da Bologna direzione Corfù.
Giunte vicino Taranto, nel paesino di Statte, qualcosa di inaspettato le catapulta in un mondo fantastico,popolato da esseri fiabeschi, in cui verranno chiamate a ricoprire un ruolo alquanto insolito, quello di Messaggere della Conchiglia, il cui compito è di salvare il regno di Apul, sconvolto da guerre tra tribù.
Leggendo Chiamami Legione ho avuto l'impressione che definirlo urban fantasy sarebbe stato riduttivo.
E' infatti un sapiente mix di comicità, fantasy e narrativa, a caratterizzare il romanzo. La parola che mi viene in mente per definirlo è "Comicfantasy"...
Ma vediamo di incuriosirvi un po' e invogliarvi a leggerlo...
Il romanzo, che inizialmente si presenta come una normale storia che non mi aveva granché entusiasmato, narra le vicende di Ester e Priscilla, quest'ultima disegnata dall'autore come una simpatica anticonformista, amante della vita, la quale, nel corso del libro mi ha strappato più di una risata. Ma arriviamo in Puglia: qui inizia il fantasy vero e proprio, che andrà avanti di pari passo con il giallo. Si, perché a cercare le due intrepide eroine, scomparse in questa remota Puglia futuristica, sarà il commissario Zavaglia, che intuisce che qualcosa nella loro sparizione, non quadra. Ecco che improvvisamente la trama si infittisce, e comincia ad appassionare davvero...
A questo punto, faranno la loro entrata in scena una serie di personaggi davvero ben costruiti. Non si può non ridere di fronte agli Sparatrapp, che venerano Pippo e Topolino, e parlano come in un fumetto! Ben costruito, a mio parere, anche il dialetto parlato da alcuni dei bizzarri abitanti del regno di Apul, che ricorda molto il dialetto pugliese. Come non notare che Apul assomiglia tantissimo alla nostra odierna Puglia, e Yarubbed, dalla bianche costruzioni, ad Alberobello?
Insomma, Carmine Caputo ha saputo creare una storia che racchiude vari generi letterari, e che non si limita al puro fantasy come lo intendiamo noi.
Amanti del fantasy e non, preparatevi a divertirvi!






sabato 14 marzo 2015

C'è post@ per noi #85

Buongiorno lettori!
Ecco qui le segnalazioni della settimana. Spero che ci sia qualcosa che catturi la vostra attenzione!













Predestined di Christabel Greenwood



Titolo: Predestined
Autrice: Christabel Greenwood
Editore: Genesis Publishing
Pagine: 250
Prezzo: 3,99 €
Genere: Young-Adult, Soft Fantasy, Drammatico
Pagina del libro

Trama:
Matt ha soli sedici anni ed è in guerra. La sua giornaliera battaglia è contro il buco nero, l’acerrimo nemico, la depressione. Allevia il suo prorompente malessere infliggendosi tagli sui polsi con le sue armi salvifiche. È solo al mondo. La madre è morta recentemente e il padre affoga il dolore nell’alcool. Matt ha un solo amico, Ted, con cui scambia poche parole. Trascorre i pomeriggi chiuso nel suo rifugio a leggere Baudelaire e scrivere poesie per Hilary, la ragazza di cui è innamorato. Matt pensa spesso alla morte e al suicidio, e compie questo gesto disperato quando alla festa di Hilary scopre che lei ha un ragazzo.
Matt riesce a sopravvivere al tentato suicidio, merito di Lily, una misteriosa ragazza che l’ha portato in salvo. Nello stesso giorno in cui ritorna a scuola dopo il ricovero in ospedale, arriva una nuova studentessa dalle fattezze angeliche, lunghi capelli color lavanda e occhi acquamarina: Lily. Tra i due ragazzi nasce subito una dolce intesa, sebbene Matt sia bloccato dalla sua timidezza e mancata autostima. Ma con i giorni, il ragazzo riesce a lasciarsi andare e a consegnare le chiavi del suo cuore alla dolce ragazza. Però, quando tutto sembra andare per il verso giusto, una brutta notizia turba la loro felicità. Secondo un ancestrale presagio, Lily e Matt, se continueranno a stare insieme, moriranno. Perché loro sono i “predestinati”, come in passato lo furono Piramo e Tisbe, Orfeo ed Euridice, Didone ed Enea, Romeo e Giulietta, e così via. Amore li ha uniti e Morte li dovrà prima o poi separare.

L'autrice:
Christabel Greenwood vive in un piccolo cottage di pietra nel cuore di un bosco irlandese. Il suo tempo libero lo dedica esclusivamente alla lettura e alla scrittura, e di solito, trascorre questi sacri momenti in compagnia di una bevanda calda e musica ispiratrice. Colleziona statuette di fate e sirene, libri e film. Le idee piombano improvvisamente nella sua testa e i personaggi vanno a bussare alla sua porta per far parlare di loro.



Tutte le cose al loro posto di Giulia Dell'Uomo

Titolo: Tutte le cose al loro posto
Autrice: Giulia Dell'Uomo
Editore: Lettere Animate
Pagine: 68
Prezzo: 1,49 €

Trama:
Sara ha poco più di vent᾽anni quando scopre di avere un tumore. La malattia, pur sconvolgendo la sua esistenza, costituisce l᾽occasione per mettersi in gioco, continuare a fare programmi, a lottare e ad amare, a voler vivere fino in fondo la propria vita a tal punto che persino il rapporto con il suo medico, Roberto, fuoriesce dalle mura dell᾽ospedale e si catapulta nella vita reale, dove amore e paura si intrecciano in un vortice di emozioni intense. A scandire il tempo ci sono i ricoveri in ospedale, gli esami infiniti, le lacrime, i sorrisi, la consapevolezza di una malattia che non vuole andarsene e la rinascita fisica ed emotiva di una ragazza che è costretta troppo presto a diventare donna.

L'autrice:
Giulia Dell'Uomo nasce a Terni nel 1988. Da sempre appassionata al mondo della comunicazione in tutte le sue forme, si laurea col massimo dei voti in Marketing.  Divoratrice di libri di scrittrici italiane ed estere, fa della scrittura la sua più potente forma di espressione. Attualmente lavora con entusiasmo e dedizione come responsabile marketing e comunicazione di un'azienda sanitaria. E' rappresentata in esclusiva dalla Studio Garamond Agenzia Letteraria.

Citazione:
“Ho imparato che c’è sempre una nuova opportunità. Dietro ogni prova di coraggio, c’è un grande insegnamento. Ho imparato che la vita dà e la vita toglie e che quando toglie un sorriso, ne regala un altro. Che quando toglie un po’ di serenità, ne dona altrettanta. Che se dà un dolore, regala sempre anche una gioia. Ho imparato che la lezione da imparare a volte è amara, ma ne usciamo quasi sempre più forti. Diversi. Profondamente modificati, interiormente cambiati. E che quel cambiamento era necessario per farci capire veramente chi siamo.”


Room 12 di Daniele Picciuti

Titolo: Room 12
Autore: Daniele Picciuti
Editore: Delos Digital
Pagine: 66
Prezzo: 1,99 €
Anteprima


Trama:
Dopo Virtual Flux, secondo episodio della saga Urban Fantasy Heroes, Daniele Picciuti firma il decimo numero della collana edita da Delos Books. Si tratta di Room 12, che è il naturale proseguimento del precedente episodio. Tornano i personaggi di Kasia e Pierrot e, stavolta, saranno impegnati ad affrontare l'organizzazione Pandora sul suo stesso territorio. Questa puntata, inoltre, rappresenta un vero e proprio crossover con Laguna Beige, numero cinque della serie, scritto da Alain Voudì. L’intento è quello di iniziare a esplorare più da vicino l’organizzazione di Pandora e disporre le forze in campo da entrambi i lati. 

L'autore:
Romano, classe 1974, vincitore e finalista a numerosi concorsi letterari, Daniele Picciuti ha all'attivo molte pubblicazioni in antologie multiautore. È Presidente dell'Associazione Culturale Nero Cafè, co-responsabile del magazine "Knife" e del marchio editoriale" Nero Press Edizioni". A livello monografico ha pubblicato "I racconti del sangue e dell'acqua" (Bel-Ami Edizioni, 2011), "Ritorno alla Mary Celeste" (Dunwich Edizioni, 2013), "La polvere del tempo" (La Mela Avvelenata, 2013), "Terraluna" (Runa Editrice, 2014). A maggio 2014 il suo racconto "Quanto è profondo il mare" è incluso nel quartetto antologico "Poker d'orrore" (Dunwich Edizioni).