mercoledì 31 agosto 2016

Recensione: IO E YOKO di Nicola Armondi

Buongiorno lettori,
anche agosto è arrivato alla fine e domani inizierà il mio mese! Io adoro settembre. Per concludere in bellezza il mese delle vacanze e del mare vi propongo la recensione di Io e Yoko. La volontà del mare di Nicola Armondi. 


Titolo: Io e Yoko. La volontà del mare
Autore: Nicola Armondi
Editore: Selfpublishing
Pagine: 109
Prezzo: €1,29 (ebook)


Trama. "Andai a trovarla spesso nel corso degli anni, per quanto mi fosse difficile. Preferivo le ore serali, quando vi erano meno persone e potevo confondermi con le ombre del passato. Mi mancava terribilmente, Yoko, la mia cara amica."

"Io e Yoko" è il racconto di un'amicizia nata per caso, sulle spiagge calde di una piccola isola. È la storia di due ragazze che crescono mantenendo l'una il segreto dell'altra: cullate dalle onde del mare e rinfrescate dall'ombra di un bosco, Sueko e Yoko cambiano lentamente, ma inesorabilmente.



La mia recensione.
Se dovessi definire questo libro con una parola direi onirico. Tutto nel romanzo sembra uscire da un sogno o da una fiaba, a partire dall'ambientazione. Ci troviamo su una piccola isoletta, qui un gruppo di abitanti si è insediato e vive in armonia dei frutti della terra e dei prodotti del mare. Sembra quasi una comune, in cui vige ancora il baratto, in cui tutti sono felici con poco, in cui si collabora per il bene comune, lontani dall'avidità e dalla sete di denaro. E' un'isola felice, in cui la natura ha ancora il predominio sull'uomo, grazie ad un mare ricco ma che pretende il suo tributo in vite umane e a colline verdi e lussureggianti che, se da un lato donano i propri prodotti, dall'altro sono anche una barriera tra gli abitanti della costa e quelli dell'entroterra. 
In questo idillio conosciamo Sueko, bambina e poi donna sempre vissuta sull'isola, e Yoko, misteriosa ragazza che vuole lasciare questa terra. Il romanzo è il racconto della loro amicizia, un'amicizia strana, avvolta nel mistero, in cui sembrano essere più i segreti che le vere confidenze, ma che diventa presto un legame forte e indissolubile. A condire il tutto una leggenda che vede il mare protagonista assoluto e che presto trova punti di contatto con la realtà. La storia di questa amicizia tocca nel profondo perchè crea in un luogo in cui tutto sembra immutato qualcosa di nuovo e unico, un legame fatto di poco, gesti, sorrisi poche parole, ma che sembra antico e lontano nel tempo. Il tutto ha poi una improvvisa evoluzione nel momento più atteso, quando Yoko è sul punto di partire veramente e la vita che Sueko conosce sta per cambiare per sempre. Un evento enorme che prende il contropiede tanto gli isolani quanto il lettore che effettivamente si trova in quel momento un po' spaesato.
Nonostante la bella storia, toccante e poetica, che sembra provenire da lontano (nel tempo e nello spazio) devo però dire che alcuni punti sono un po' troppo lenti e un po' macchinosi, forzati, forse troppo costruiti. Nonostante questo però ho letto con piacere questo romanzo, perchè è una lettura diversa dal solito, particolare e curiosa.

Voto
3 cuoricini e mezzo!

Alla prossima



lunedì 29 agosto 2016

C'era una volta... #11


"C'era una volta...". È così che hanno inizio alcuni dei racconti più importanti della nostra vita. Quasi fossero parte di una formula magica, queste parole hanno il potere di rinnovarsi e volgersi al presente ogni volta che vengono pronunciate o lette.
Nel tentativo di regalarvi un briciolo di magia, abbiamo ideato la rubrica "C'era una volta..." per condividere gli incipit più belli e suggestivi dei libri che abbiamo letto.


Il tuo corpo adesso è un'isola

Paola Predicatori


Dal finestrino dell’auto, ogni volta che tornava, la città gli appariva diversa, come se nel frattempo l’avesse dimenticata e potesse guardarla con occhi nuovi. Allora, in quei pochi istanti, lasciava finalmente andare tutto quello che conosceva e provava a immaginare di essere in un posto nuovo dove sarebbe stato se stesso ogni volta che voleva e ogni volta in modo diverso, senza che nessuno gliene chiedesse il motivo. Non importava per quanto tempo fosse stato via, la sensazione era sempre quella e gli trasmetteva un’eccitazione strana, quasi stesse immaginando qualcosa di proibito. Quando scese dalla macchina e si ritrovò davanti casa, pensò che forse un giorno non si sarebbe accontentato di quei pochi attimi e non sarebbe più tornato.


Avete mai provato emozioni simili a quelle del protagonista?

domenica 28 agosto 2016

C'è post@ per noi... #172

Buongiorno cari lettori,
in questi ultimi giorni d’estate, vogliamo proporvi alcune idee per le vostre prossime letture, mettetevi dunque comodi e prendete nota.










Titolo: Die in Paine
Editore: Lettere Animate Editore
·    Anno di pubblicazione: 2014
·    Genere: thriller fantasy
·    Pagine:84 (ebook), 90 (cartaceo)
·  Formati disponibili e relativi prezzi: ebook (1,99), cartaceo (9,00)

Trama: Il mondo come lo conosciamo è solo una parte della realtà: Demoni e Angeli vivono abitualmente tra noi, sotto il controllo e la protezione dei Guardiani dell’Ordine. Questa società segreta, vecchia come il mondo, ha il compito di mantenere la pace tra le creature e sorvegliare i passaggi tra i diversi livelli, chiamati “fratture”.

Paine è una Guardiano Distruttore nella sede di Los Angeles, una sorta di detective, che indaga sui crimini che coinvolgono i non–umani. Come il suo collega, Riot, è una Nephilim – figlia di un angelo e di un’umana. Al contrario del suo partner, però, Paine è spaventata dai poteri angelici che possiede. Non si sente un’umana né un essere di un altro livello, è fuori posto ovunque si trovi. La vita dei Guardiani è faticosa e piena di ombre, i segreti da mantenere sono molti e i rapporti interpersonali ne risentono.
Inoltre, la ragazza è perseguitata da un incubo ricorrente, in cui assiste alla morte violenta e tragica del suo collega. Nonostante l’inquietudine che questi sogni le lasciano, è costretta a continuare a fare il suo lavoro. Un nuovo omicidio la aspetta.

Autore: Jessica Gelmotto nasce a Biella nel 1989. Attualmente vive con il compagno a Gattinara.
Laureata in Filosofia all’Università del Piemonte Orientale, scrive per passione.
Nel 2013 ha pubblicato due racconti in altrettante antologie: “Morto e Mangiato”, per un progetto benefico, e “Terzo Almanacco”, edito da Lettere Animate.
Con Lettere Animate ha pubblicato, nel 2014, il suo primo romanzo “Die in Paine”.
Gli altri suoi racconti sono pubblicati sul sito EFP, in cui scrive con lo pseudonimo di Maya89.



Titolo: The Order of Guardians
Autore:  Marco Ternavasio
     Pagine: 591
     Editore: Inspired Digital Publishing 10 novembre 2015)
·    Data di pubblicazione: 10 novembre 2015
     Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.

Trama: Un antico Ordine combatte nell’ombra per garantire la stabilità degli equilibri di pace nella Terra dei Quattro Venti.

I suoi membri, i Guardiani di Nayset, capaci di azioni così strabilianti da essere considerati delle vere e proprie leggende, sono rafforzati da un potere che scaturisce da un antico male, sepolto nelle Terre Dimenticate: un mondo dove il dolore e l’odio della prima civiltà erano stati confinati millenni or sono.

Hastan, uno dei più forti Guardiani dell’Ordine del Grande Tempio di Nayset, affronterà un avversario sepolto nel passato della storia degli uomini, ma le sue fatiche saranno aggravate dal tradimento di uno dei suoi più cari amici, che si rivolterà contro l’Ordine stesso, dando inizio ad una guerra di proporzioni gigantesche, la più grande che le genti libere della Terra dei Quattro Venti abbiano mai visto.
Toccherà alla prole di Hastan continuare la lotta contro quel nemico, così insidioso, che minaccia di distruggere le fondamenta stesse del mondo.
I Guardiani, guidati dal Gran Maestro, dovranno combattere la più grande sfida che abbiano mai affrontato, ma un male ancora più oscuro sta tessendo i suoi fili nell’oscurità...un male che, molto presto, farà vedere il suo volto alle genti libere della Terra dei Quattro Venti.

Autore: Marco Ternavasio nasce a Savigliano l'8 maggio del 1991. Ha conseguito la maturità nel 2010 ed oltre allo studio si dedica allo sport. Le sue passioni sono diverse: viaggiare,organizzare giri in moto con gli amici, leggere libri fantasy, thriller e di avventura. E' stata proprio questa sua passione per la lettura a suscitare in lui la curiosità per il mondo della scrittura.
Ha cominciato a scrivere le prime pagine del libro L’ombra del Male all’incirca due anni fa, riprendendo un vecchio lavoro che aveva iniziato  all’età di sedici anni. L’intera saga di The Order of Guardians è nata grazie ad un complesso lavoro di fantasia nel quale è stato supportato dal suo amico Gianluca Calabrese. Dopo molto impegno e tante notti insonni il risultato è stato il primo libro L’Ombra del Male.

         
Titolo: Gli orari del cuore
Autore: Stefano Labbia
Genere: Poesia
Prefazione: Valerio Di Lorenzo
Prezzo: € 12,00
Pagine: 120


Dalla prefazione:
In quest’opera, il poeta Stefano Labbia, si mette a nudo confidandoci, quasi come fosse un diario, le proprie emozioni. Gli orari del cuore non è che un insieme di emozioni scritte, personali e soggettive che sono un immenso dono per chiunque volesse coglierlo. 






Titolo: Il libro delle ombre
     Autore: Stefano Lanciotti
     Editore: autopubblicato su Amazon
·    Data di uscita: 9 giugno 2016
·    Genere: Fantasy
·    Prezzo: 2.99€ versione completa, gratis in versione parziale


Trama: Chi è veramente Beryl Anderson? Lei è convinta di essere una ragazza come tante altre ma, quando la sua vita comincia ad andare in pezzi e le accadono cose inspiegabili, l'idea che esista un mondo del tutto diverso da quello che conosce, nel quale lei è una persona molto speciale, comincerà ad apparirle meno incredibile. E assieme a nuovi compagni d'avventure, dovrà imparare a combattere per conoscere a fondo se stessa, salvare la sua vita e, forse, il mondo intero.

Autore: Stefano Lanciotti è nato nel 1967 e già a dieci anni ha scritto la sua prima opera, un libro di fantascienza "edito" su un quaderno delle medie, di quelli a righe strette e larghe alternate.
Pur coltivando la scrittura come passione, dopo il liceo scientifico ha scelto la facoltà di Ingegneria Elettronica. Dalla laurea lavora nel campo dell'informatica e della sicurezza.
Dopo il suo "capolavoro" di prima media ha scritto molto, ma solo dopo il 2010 ha ritenuto che il livello qualitativo raggiunto dalle sue opere fosse sufficiente per proporle a un pubblico più vasto della sua famiglia.
Nel 2012 scopre il self-publishing e diventa uno dei casi letterari dell’anno, vendendo migliaia di copie dei suoi romanzi, tra thriller e fantasy. Contattato da Newton Compton, ripubblica nel 2013 il suo primo thriller con il titolo “Israel - Operazione Tel Aviv” e nel 2014 la trilogia completa dell’agente Sara Kohn, composta da “Israel”, “Nemesis” e “Hydra”.
La sua saga fantasy ambientata nel crepuscolare mondo di Nocturnia è giunta al sesto e conclusivo romanzo nel 2015. Si tratta senz’altro di una delle produzioni di maggior successo in Italia, con oltre 100.000 download gratuiti del primo romanzo, “Ex Tenebris”, e oltre 25.000 copie vendute degli altri cinque.
Nel 2016 pubblica “Il Libro delle Ombre”, un crossover tra il fantasy classico di Nocturnia e l’urban fantasy, ottenendo immediatamente un grande successo in termini di critiche e di vendite.

Link utili:
Sito web editore: www.stefanolanciotti.it
Link per acquisto e altre info: https://www.amazon.it/Libro-delle-Ombre-
Profezia-Ritorno-ebook/dp/B01GVV2Y1Y/
Anteprima gratuita: https://www.amazon.it/Ingresso-nellOmbra-Profezia-
Ritorno-Vol-ebook/dp/B01GVUFEZ8/



Buona lettura, dunque. 
Alla prossima.













venerdì 26 agosto 2016

C'era una volta... #10

"C'era una volta...". È così che hanno inizio alcuni dei racconti più importanti della nostra vita. Quasi fossero parte di una formula magica, queste parole hanno il potere di rinnovarsi e volgersi al presente ogni volta che vengono pronunciate o lette.
Nel tentativo di regalarvi un briciolo di magia, abbiamo ideato la rubrica "C'era una volta..." per condividere gli incipit più belli e suggestivi dei libri che abbiamo letto.


Buongiorno, carissimi!
Oggi avrebbe dovuto esserci una mia recensione, ma la connessione mi ha abbandonato e ho dovuto collegare il cellulare per preparare questo post, quindi sono stata costretta a fare una cosa veloce. Godetevi l'incipit di questo bel racconto! Spero vi incuriosirà ^.^


Una notte, a teatro
Linda Kent

Bath, luglio 1839

Il temporale si era abbattuto improvviso, come accade in certe sere d'estate. Non aveva però placato la temperatura, eccessiva in modo sfacciato, e l'aria si era fatta umida e vischiosa.
Lady Grace Anderson sentì una goccia di sudore scivolarle nel solco fra i seni: all'interno del teatro, le luci del palcoscenico e le candele del grande lampadario centrale avevano peggiorato la situazione e ormai, alla fine del terzo atto, respirare era divenuto difficile.
Con uno scatto del polso aprì il ventaglio e iniziò ad agitarlo energicamente.
«Lo distruggerai in quel modo!» Lady Muriel Fielding sorrise appena e si tamponò le labbra con un fazzolettino. «Ma hai senz'altro ragione, tesoro mio: si muore di caldo. Chiederò che ci portino un po' di limonata ghiacciata.
Nonostante l'età, tante Muriel era ancora una donna formidabile, che non temeva nulla e nessuno, e non si curava delle convenienze. Un'alttra dama del suo rango avrebbe suonato il campanello d'argento senza muovere nulla di più delle due dita necessarie per scuoterlo, invece lei si alzò e uscì dal palco per cercare un valletto e trasmettergli l'ordine.
Grace sorrise fra sé; amava moltissimo la zia ed era davvero orgogliosa di assomigliarle. Le aveva insegnato così tanto, e con l'esempio più che con le parole. Da lei aveva imparato il valore assoluto della lealtà e il rispetto per le scelte del cuore, le uniche regole che valesse la pena di seguire.


Allora, cosa ne pensate? La penna elegante e fluida di Linda Kent è ormai inconfondibile per me e le sue storie mi piacciono molto. Questo breve racconto mi ha incantato dalle prime righe.
Per caso avete già letto Una notte, a teatro? Fatemi sapere!
Alla prossima!


mercoledì 24 agosto 2016

C'è post@ per noi... #171

Buongiorno lettori!!
Anche durante le vacanze noi siamo qua a segnalarvi qualche bella uscita italiana. Vediamo cosa è approdato nella nostra casella di posta...



Titolo: Ingrid a Riccione
Autore: Pee Gee Daniel
Editore: La Gru
Pagine: 80
Prezzo: €8,00 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Che cosa è l’amore? È un’illusione o viene realmente suscitato in noi dal partner? Qual è la sua essenza? E ancora, per caso ci si innamora solo se il momento è propizio, indipendentemente dalla persona che incontriamo? Il caustico resoconto della bella tedeschina Ingrid circa le sue avventure rivierasche saprà fornire una risposta definitiva all’annoso quesito? O ci aiuterà perlomeno... ad aprire gli occhi?


**********



Titolo: Jean Améry. Il risentimento come morale
Autore: Guia Risari
Editore: Castelvecchi
Pagine: 176
Prezzo: €19,50 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Jean Améry (1912-1978), già Hans Mayer, scrittore e saggista «non-non-ebreo», fu un testimone particolarmente acuto e sensibile della Shoà. In Italia è noto soprattutto per tre saggi di ispirazione filosofica – Intellettuale a Auschwitz, Levar la mano su di sé, Rivolta e rassegnazione – e per il romanzo Charles Bovary, medico di campagna. Portandosi su terreni di confine della ragione, indagando oggetti che sfuggono a priori all’analisi – il dolore, la morte, il flusso del tempo e della memoria – Améry fu un acrobata della negazione, capace di affrontare le illusioni radicate nel pensiero e nel senso comune con l’osservazione lucida e impietosa dall’interno. Dalla sua riflessione scaturisce un confronto serrato con pensatori quali Nietzsche, Scheler, Weber, Freud, Adorno, Sartre, Jankélévitch, Cioran e testimoni come Bettelheim e Levi. Questo volume presenta l’opera di Améry e approfondisce alcuni temi del pensiero occidentale – l’invecchiamento, il suicidio, la concezione del tempo e dell’individuo – ma affronta ugualmente le questioni della Shoà, della testimonianza e della creazione letteraria, proponendo una rivalutazione filosofica del risentimento, inteso come re-sentir, capacità percettiva e coscienza riflessiva, «fonte emozionale di ogni morale autentica, che sempre fu una morale degli sconfitti».

L'autrice
Guia Risari, laureata in Filosofia all’Università Statale di Milano, specializzatasi in Studi ebraici moderni e Letteratura all’Università di Leeds, ha dedicato interventi a Primo Levi, Jean Améry e Walter Benjamin e tradotto Il sangue del cielo, il capolavoro concentrazionario di Piotr Rawicz. Tra le sue pubblicazioni, The Document Within the Walls. The Romance of Bassani, (1999, 2004), Il taccuino di Simone Weil (2014), La porta di Anne (2016).

**********



Titolo: Come un'isola
Autore: Monika M.
Editore: Lettere Animate
Pagine: 149 pagine
Prezzo: €0,99 (ebook)

Dove acquistare: AMAZON

Trama
Come un'isola è un viaggio nella mente ed il cuore di Lucrezia , la protagonista . 
Quando ci innamoriamo siamo portati ad andar ogni limite fino a quel momento conosciuto , completamente in balia dei sentimenti ci lasciamo trascinare , ma quanto lei sarà disposta a dare di se stessa? Qui inizia la lotta tra ragione e sentimento , orgoglio e amore ! 
Victor entrerà nella vita di lei con un compito specifico , farla regredire fino a farle ricordare una vita passata , tutto è ...stato da Lucrezia pianificato e stabilito , ma nulla andrà come lei aveva programmato . 
Si può amare chi ci fa volutamente del male? Si ! Si perché l'amore vero è irrazionale ... ma poi si deve pensare anche a noi , donare la propria anima a chi non ci ama è un suicidio e Lucrezia lotterà invece per vivere

L'autrice
Nata a Roma nel 1976 . 
"Molti mi chiedono perchè io usi uno pseudonimo , ebbene ,credo che per esser totalmente sinceri nella scrittura non ci si debba curar del giudizio altrui con una maschera la mente si libera da inutili fardelli ,inoltre credo si debba legger senza preoccuparsi di CHI dice , quanto del COSA ... 
Scrivo perchè la mia anima da sempre è intrappolata in ambientazioni di epoca Vittoriana , in romanzi le cui pagine sono ancora intrise di passione e desiderio ed è lì con la mia scrittura che amo tornare , se il mondo me ne priva , la mia fantasia se ne impossessa ribelle , ancora ed ancora .... 
Amo il Medioevo tanto quanto il Rinascimento ... la luce può esser percepita unicamente a contrasto con l'oscurità . 
Non bramate di conoscermi , ho un caratteraccio , armatura indispensabile per anime fragili."
Pagina FB del romanzo | Sito dell'autrice

**********


Titolo: Diario di una 883
Autore: Sara Goria
Editore: Elmi's World
Pagine: 128
Prezzo: €4,49 (ebook); €12,00 (cartaceo)

Dove acquistare: SITO EDITORE

Trama
Esistono amicizie che a prima vista non avresti mai pensato potessero nascere, quelle che sbocciano dalla diversità più accentuata e cominciano male, con sguardi obliqui e attese. Legami ereditati dolorosamente, ma che riservano sorprese e inattesi amori.
Cosa se ne fa una ragazza elegante che non ha mai ammirato le due ruote di una Harley? Eppure il mondo dei biker è magico, ti regala una famiglia, scatena l’energia e infonde allegria. Grazie allo Sportster conoscerà il padre che l’ha abbandonata, scoprendo i suoi lati dolci e malinconici capendo pian piano la sua solitudine e il suo lacerante destino.

L'autrice
Sara Goria è nata a Torino e vive da più di vent’anni in Valle d’Aosta con i suoi due figli, due cani e una gatta che ha preso in prestito il nome da una favola di Beatrix Potter.
I suoi racconti sono stati pubblicati nelle raccolte “Lupus in Fabula” (2011) e “Venti di montagna” (2014 ‘ Echos Edizioni).
Nel 2013 ha pubblicato il suo romanzo “Seconda classe, lato finestrino” con l’editore Lineadaria, la versione ebook è edita da Elmi’s World.
Le piace leggere, osservare, ascoltare e reinventare il mondo, che sia dall’alto dei suoi monti oppure a cavallo di una lucida e rombante Harley, con la stessa fantasia, ma cambiando prospettiva.

Alla prossima




lunedì 22 agosto 2016

Recensione: ARABESQUE di Livin Derevel



Titolo: Arabesque 
Autore: Livin Derevel 
Editore: Milena Edizioni - 7 novembre 2015
Pagine: 294
Prezzo: Ebook - € 3,99; cartaceo - € 16,00


Trama
Non è la giornata fortunata di Bentley Flores.L’esame per cui si era dato tanto da fare è stato improvvisamente rimandato, la ragazza per cui ha una cotta non ha tempo da dedicargli, e piove. In più ecco spuntare una donna un po’ hippy e un po’ santona, che lo usa come facchino prima di regalargli una lampada di dubbio gusto come ringraziamento. Tornare a casa gli pare la salvezza, e invece chi è quello strano ragazzo tutto sorriso che Bentley non ha mai visto prima? Perché sembra così affezionato a lui? Ma soprattutto, com’è che ha la capacità di esaudire desideri? Bentley non ha idea di cosa inizi a succedere nella sua vita, e tenterà di trovare il modo di cavarsela attraverso una storia impregnata di realismo magico, dove suo malgrado sarà eletto il padrone di un inaspettato genio della lampada.

***

La giornata non è iniziata nel migliore dei modi per Bentley Flores, studente della facoltà di Belle Arti a San Francisco. L’esame di arte barocca, il più complesso del corso, per cui si è preparato per mesi, è stato rimandato a data da destinarsi a causa di problemi famigliari della professoressa; lui e Kora, amica di cui è infatuato, decidono di andare a prendersi un caffè per riprendersi dalla notizia e quando lui si decide a dichiararsi, Kora riceve una telefonata ed è costretta a tornare a casa. 


Pagò al bancone lasciando il resto e si infilò il cappuccio nell’uscire. Diluviava. 
Può andare peggio di così? 

«Mi scusi!» 
Ley alzò gli occhi al cielo piovoso. 
Certo che poteva andare peggio. 


Una strana donna gli chiede aiuto per trasportare delle tele all’interno del suo negozio e nonostante il malumore e la voglia di tornare subito a casa, Bentley l’aiuta. La donna per ringraziarlo gli dona una lampada a olio proveniente dal Medio Oriente. Il ragazzo la accetta per educazione, anche se è sconcertato e vagamente inquietato dai modi di fare di lei. 
A casa decide di pulirla per regalarla alla nonna, ma con sua sorpresa accade l’impensabile: si ritrova nel salotto di casa un ragazzo, con il sorriso pronto e una vivacità esuberante. 


«Io sono Frank, e sono un genio!» 

Momento di silenzio totale. 
«Ah.» Ley lo squadrò cercando di capire da quale manicomio fosse scappato. «E… dimmi, genio, come sei entrato in… casa mia…?»

Bentley non crede a questo strano, e folle, ragazzo, che allora lo sfida a chiedergli di fare qualcosa. Ley usa così il suo primo desiderio chiedendo di poter dare l’esame e di passarlo con il massimo dei voti e subito dopo lo schiocco di dita di Frank squilla il telefono: lo avvisano che la mattina dopo dovrà recarsi in facoltà per sostenere l’esame con gli assistenti della professoressa. Ley deve arrendersi all’evidenza quando Frank dà ulteriore dimostrazione dei suoi poteri: si ritrova davvero a essere il padrone di un genio! E ha ancora due desideri da esprimere…

Il romanzo ruota attorno al rapporto che si viene a creare tra Ley e Frank, una relazione che diventa sempre più complice e intima. Frank è adorabile e tenero, così dedito al suo compito di genio, con secoli di attività alle spalle, ma ancora così vivace e pieno di meraviglia per tutto ciò che lo circonda. Inizialmente il suo affetto per Ley è dettato dalla natura particolare del rapporto tra padrone e genio, ma con il passare del tempo diventa sempre più evidente che non si tratta più solo di quello. 
E Ley è un artista; è riservato e molto selettivo nelle amicizie, ma lega subito con Frank, lo accetta con tutte le sue stranezze dopo un iniziale momento di disorientamento. 
A completare la cornice vi sono gli amici e il fratello di Ley, personaggi secondari ma simpatici che offrono delle scene molto divertenti. Tra le mie preferite rientra quella in cui anche Dave, il fratello minore di Ley, scopre che Frank è un genio: a Halloween Frank si occupa delle decorazioni della casa e decide di infondere una “goccia di vita” nel pupazzo di un gatto piuttosto inquietante, dagli occhi di fuoco. 

Due piccoli, vispi occhietti rossi erano puntati su di lui. 

«Meow…»
Un gatto. Cosa ci faceva un gatto in casa sua? Cosa ci faceva un gatto posseduto dal diavolo in casa sua? 


Ley convince il genio a farlo ritornare normale, ma non abbastanza in fretta, dato che Dave fa in tempo a vederlo: 


«Tu…» bisbigliò pianissimo. Ci volle loro un po’ per realizzare che era Frank il soggetto della frase. «Il gatto… era… era vivo…»

E come una marionetta a cui avevano tagliato i fili, Dave crollò sul pavimento. 

Arabesque è una fiaba moderna, romantica e malinconica allo stesso tempo, con una coppia che sicuramente è insolita, dato che si tratta di un romanzo a tematica LGBTQI, e ammetto candidamente che non sapevo bene cosa comportasse questa definizione, ma l’autrice ha scritto un interessante post a riguardo sul suo blog se volete un chiarimento. 

Nonostante non ci siano grandi sorprese nell’intreccio, la storia è piacevole e divertente, e io me ne sono innamorata. Complice anche lo stile dell’autrice, scorrevole e descrittivo, in alcuni casi “pittorico” nel concentrarsi sui particolari di scene o sensazioni. 
È un romanzo che consiglio a chi è in cerca di una fiaba e di un po’ di romanticismo. 









domenica 21 agosto 2016

C'è post@ per noi... #170

Buona domenica lettori!
Un'altra domenica piena di sole qui in Sardegna. 
Settembre si avvicina sempre di più, ma non pensiamoci ora, veniamo alla puntata di oggi. 










Titolo: Sunset 
Serie: Sunset Saga #1 
Autore: Helen J. Evans
Editore: Selfpublishing
Pagine: 293
Prezzo: 1,20 €
Data di pubblicazione: 11/07/2016

Dove acquistare

Trama
Alicia Turner, diciassette anni, si è appena trasferita insieme a suo padre Stephen nella città di Brandon, in Canada, per poter ricominciare da capo dopo che sua madre è misteriosamente scomparsa nel nulla. 
Il primo giorno di scuola Alicia incontra Caden, un ragazzo bellissimo e sfuggente, dai misteriosi occhi color ambra. 
Alicia si sente in qualche modo legata al ragazzo, che custodisce un segreto che non deve essere rivelato. 
Anche Aaron e Amy, i due nuovi compagni di scuola, hanno un’identità da nascondere… 
Cosa c’entra Caden con la scomparsa della madre di Alicia? E da cosa dipendono i suoi misteriosi poteri sovraumani? Aaron è coinvolto nella stessa faccenda? 

Una nuova serie, ricca d’amore, mistero e avventura, per tutti gli amanti di Twilight e Shadowhunters.


"Estratto"

Non feci in tempo a formulare la domanda, perché Caden riprese a parlare. «Ho visto come mi guardavi a scuola, e ho iniziato ad avere dei sospetti su di te. Riuscivi a percepire la mia vera natura? E se ci riuscivi tu, poteva riuscirci qualcun altro?»
«E quale sarebbe, la tua vera natura?» Sussurrai, ma nel silenzio la mia domanda riecheggiò come se avessi urlato.
Lui si immobilizzò di nuovo. Abbassò lo sguardo, come se stesse pensando a cosa rispondermi. Riuscivo a sentire il suono lieve del suo respiro, e il ticchettio di un orologio da qualche parte nella casa. Tamburellò le dita, ancora guantate, sul cuscino del divano, prima di rialzare gli occhi e puntarli di nuovo su di me. «La mia natura è… molto diversa dalla tua, Alicia.»

Link Utili:



**********



Titolo: Gli occhi del lupo
Autore: Federica Amalfitano
Editore: Aletti Editore 
Pagine: 244 (cartaceo) 215 (ebook)
Prezzo: cartaceo €14,00;  ebook 4,99€

Trama
La vita a Florence è sempre stata monotona e priva di qualsiasi attrattiva finché, un giorno, il bosco che caratterizza la città si popola di un branco di lupi. Ellen Smith, timida ragazza diciassettenne, si troverà catapultata in un mondo che mai avrebbe potuto pensare esistesse davvero: quello dei licantropi. E quel ragazzo misterioso arrivato a scuola improvvisamente chi è in realtà? Le storie dei due giovani si incroceranno molto presto e, il legame protettivo che li unirà, si intensificherà giorno dopo giorno. 
Il capo Alpha del clan, i Wolfers (Gran Consiglio dei licantropi) e i Verdana, faranno di tutto per distruggere il loro rapporto di amicizia.
Riusciranno i ragazzi a restare uniti nonostante le avversità?


 "Estratto"

«Bene. Adesso che la famiglia è riunita dobbiamo parlare», esclamò Paul accendendosi l’ennesima sigaretta della giornata.  
«Di cosa?», s’informò mia cugina Anne spalancando i suoi grandi occhi verdi e legandosi i lunghi capelli biondi con un elastico.
«Degli ACILM».
«Sono qui?», chiesi prontamente.
«No. So solo che si stanno avvicinando sempre di più. Hanno già fatto fuori centinaia dei nostri simili sulla costa occidentale e ben presto saranno qui».
Mio padre parlottò con mia madre. Dovevamo trasferirci al più presto in un luogo sicuro, secondo lui.
«Io non ho nessuna intenzione di scappare per l’ennesima volta. Preferisco affrontarli piuttosto», esclamai prima che mio padre ci ordinasse di levare le tende al più presto.
«Non dire sciocchezze Taylor. Sai benissimo di cosa sono capaci. L’unica soluzione è allontanarci di qua il prima possibile».
Ma nemmeno Paul e i figli più grandi erano d’accordo con lui. Eravamo stufi di scappare. Un lupo mannaro non fugge di fronte al pericolo.  


L'autore
Nata ad Ischia in provincia di Napoli nel 1986, si Laurea in Scienze Biotecnologiche per la Salute all’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e lavora in laboratorio. Ha sempre avuto una passione smodata per i libri, ma quella per il genere Fantasy nasce grazie al “Signore degli Anelli” di Tolkien e il primo libro di Cristopher Paolini “Eragon”. L’idea di scrivere un romanzo sui licantropi avviene durante gli anni universitari quando aveva bisogno di staccarsi per un po’ dal suo dovere di studentessa di Biotecnologie – pendolare tra Ischia-Napoli – e dedicare un paio d’ore a se stessa. L’ispirazione avviene con la lettura di “Shiver” di Maggie Stiefvater e la saga degli “Shadowhunters” di Cassandra Clare.


**********




Titolo: L'equilibrio instabile 
Autore: Gabio Rizzato
Prezzo: ebook €0,99

Trama
Trentacinque anni, una bella casa in cui sta poco o niente, un buon lavoro di cui non capisce l’utilità, un’attraente moglie attenta alla carriera e angosciata dall’idea di un figlio che non capisce se volere o meno. Assomiglia a tanti, l’anonimo protagonista di questo romanzo, assomiglia ai tanti che ogni giorno ci passano accanto invisibili, in viaggio sulla Ferrovia Subumana, ansiosi di raggiungere il loro posto di lavoro a Terziaropoli. Per sopportare tutto questo, il nostro eroe si costruisce un mondo virtuale, di cui è regista e protagonista unico. Un mondo in cui si può stilare una Lista Dinamica Indegni Vita e liberarsi di chi gli dà fastidio, un mondo dove immergersi nei giochi di ruolo online invece che lavorare. Un universo fittizio che piano piano si confonde con quello reale, fino a sovrapporsi… Dove finisce la realtà e dove comincia l’illusione? Si può davvero essere protagonisti della propria vita? Oppure il senso dello spettacolo dell’esistenza che insceniamo ogni giorno è destinato a sfuggirci per sempre? Una storia forte, che racconta la difficoltà, o forse l’impossibilità, dell’equilibrio quotidiano nella sempre più illogica realtà che ci circonda, un protagonista che rimane a lungo nella mente del lettore, per la sua disperata voglia di capire, e la sua folle incapacità di adeguarsi.

L'autore
Gabio Rizzato è nato nel 1975 e vive a Saronno, con la moglie e due figli. Giornalista fin da bambino nelle testate locali, ama suonare il pianoforte, leggere, scrivere e, dopo la laurea in ingegneria, anche far di conto. Questo è il suo primo romanzo.


**********


Titolo: Il libro delle ombre
Autore: Stefano Lanciotti
Editore: Autopubblicato su Amazon
Pagine: 308
Prezzo: 2,99€

Dove acquistare

Amazon 


Trama
Chi è veramente Beryl Anderson? Lei è convinta di essere una ragazza come tante altre ma, quando la sua vita comincia ad andare in pezzi e le accadono cose inspiegabili, l'idea che esista un mondo del tutto diverso da quello che conosce, nel quale lei è una persona molto speciale, comincerà ad apparirle meno incredibile. E assieme a nuovi compagni d'avventure, dovrà imparare a combattere per conoscere a fondo se stessa, salvare la sua vita e, forse, il mondo intero.


L'autore
Stefano Lanciotti è nato nel 1967 e già a dieci anni ha scritto la sua prima opera, un libro di fantascienza "edito" su un quaderno delle medie, di quelli a righe strette e larghe alternate. Pur coltivando la scrittura come passione, dopo il liceo scientifico ha scelto la facoltà di Ingegneria Elettronica. Dalla laurea lavora nel campo dell'informatica e della sicurezza. Dopo il suo "capolavoro" di prima media ha scritto molto, ma solo dopo il 2010 ha ritenuto che il livello qualitativo raggiunto dalle sue opere fosse sufficiente per proporle a un pubblico più vasto della sua famiglia. Nel 2012 scopre il self-publishing e diventa uno dei casi letterari dell’anno, vendendo migliaia di copie dei suoi romanzi, tra thriller e fantasy. Contattato da Newton Compton, ripubblica nel 2013 il suo primo thriller con il titolo “Israel - Operazione Tel Aviv” e nel 2014 la trilogia completa dell’agente Sara Kohn, composta da “Israel”, “Nemesis” e “Hydra”. La sua saga fantasy ambientata nel crepuscolare mondo di Nocturnia è giunta al sesto e conclusivo romanzo nel 2015. Si tratta senz’altro di una delle produzioni di maggior successo in Italia, con oltre 100.000 download gratuiti del primo romanzo, “Ex Tenebris”, e oltre 25.000 copie vendute degli altri cinque. Nel 2016 pubblica “Il Libro delle Ombre”, un crossover tra il fantasy classico di Nocturnia e l’urban fantasy, ottenendo immediatamente un grande successo in termini di critiche e di vendite. 




Spero che questa puntata vi sia piaciuta :)
A presto,