domenica 23 aprile 2017

C'è post@ per noi #216


Buongiorno a tutti!
Anche questa domenica quattro nuove,
intriganti proposte letterarie vi attendono!

                                                









Stoneland. Il signore della morte - Roberto Saguatti




Titolo: Il signore della morte 

Autore: Roberto Saguatti
Edizioni: Echos Edizioni
Pagine: 260
Prezzo: €12,60



Sinossi:
La rivolta del Duras ha sconvolto nel profondo gli equilibri politici delle Stonelands: Il Quo Listra spaccato in più fazioni da una guerra fratricida troverà una sanguinosa risoluzione alle sue lotte intestine. Gerrit impegnato nel suo percorso di ricerca delle pietre del potere si spingerà sull’isola di Mur ma, purtroppo, nulla andrà come previsto e il ragazzo ne uscirà segnato nel profondo dell’animo. Val dovrà regolare i conti con il proprio passato prima di recarsi ad Ismat per iniziare una nuova vita. Quando, dopo tanti anni, tutti gli amici si ritroveranno nuovamente assieme la guerra tornerà prepotente a reclamare il suo tributo ma un pericolo ancora maggiore minaccerà la vita di tutti gli abitanti. Solo una persona potrà tentare di fermare tale minaccia ma a che prezzo?

                                  
Un nido per due gemelli  - Sonia Coluccelli e Alessia Laura Boni



Titolo: Un nido per due gemelli
Autore: Sonia Coluccelli e Alessia Laura Boni
Edizioni: Terra Nuova edizioni 
Pagine: 260
Prezzo: Copertina flessibile €11,48

Sinossi:
Siete genitori, nonni, zii, amici di gemelli? Questo libro è dedicato a voi, per raccontarvi le emozioni, le scelte e le sfide di genitori che hanno vissuto in prima persona l'esperienza di mettere al mondo e crescere due o più gemelli. Le voci delle due autrici si intrecciano con quelle di ostetriche, ginecologhe, pediatri, educatrici per affrontare questioni importanti come la gravidanza e il parto (cesareo per forza?), il ricorso alla procreazione medicalmente assistita, l'allattamento e il sonno condiviso, il rapporto con altri fratelli e sorelle, i primi passi nei nidi d'infanzia. Naturalità, ascolto e prossimità sono le tre parole chiave del libro, per vivere una genitorialità consapevole e attenta al benessere non solo individuale ma anche del pianeta che ci ospita.


                             Fratini d'Italia - Franco Sacchetti   






Titolo: Fratini d'Italia

Autore: Franco Sacchetti
Editore: Terra Nuova Edizioni
Pagine: 128
Prezzo: 8,50 €



Sinossi:
"Fratini d'Italia" è un reportage a fumetti sulla stagione di nidificazione del Fratino: racconta la storia minima di resistenza di questo minuscolo ma determinato cittadino delle nostre spiagge, che reclama il suo diritto di residenza insieme alle tante specie viventi esiliate dall'industria balneare. Negli ultimi 10 anni in Italia la sua popolazione è dimezzata, ed è quindi considerata una specie in pericolo di estinzione. Per questo il Fratino è diventato un simbolo dell'ambiente costiero e del movimento per la sua tutela. Centinaia di volontari fanno l'impossibile per proteggerne le uova e i pulcini: riuscirà il Fratino a sopravvivere nel più inospitale degli habitat, la riviera italiana nel bel mezzo della stagione balneare?
          

Quello che sulla terra sapete. Gli amori impossibili durano per sempre - Federica Soprani 


Titolo: Quello che sulla terra sapete. Gli amori impossibili durano per sempre
Autore: Federica Soprani
Editore: Edizione Il vento antico
Pagine: 124
Prezzo ebook: € 2,49


Trama:
Quello che sulla Terra sapete è un viaggio.
Bisogna accomodarsi, magari sulla prua di una nave, e lasciarsi trasportare. 
Ne vale la pena.
Musica, pittura, scultura, intelligenza, cultura e soprattutto amore.
Vivere, tra mondi reali e non, scorrendo la linea del tempo insieme alle storie struggenti dei personaggi.
Tancredi e Diana, “signori di Malombra, possessori di immensi terreni ammantati dall’argento degli uliveti, dall’oro degli agrumeti, smaltati dal mare di lapislazzulo e incoronati da foreste di smeraldo”.
Le note di canti barberi  che escono sublimi dalla gola di Fenice, l’Angelo di  fuoco: “la sua voce era ora una frusta, ora un velo color zafferano, ora una folata di vento”,  una voce ammaliante tra le calli veneziane.
Lizzie: “che tu fossi bella è un dato di fatto, come il verde dell’erba e l’azzurro del cielo”, la ragazza “docile capriccio di un pittore” a cui dedicherà il suo amore passionale, sacrificando quello di chi, invece, l’avrebbe amata davvero.
Un sogno, vissuto tra le pareti ruvide di un carcere e infine, il dolore di un professore inglese e del suo amore “rispedito al mittente”, che trova la sua conclusione al Passo Del Cavaliere, davanti al mare.
Aveva capito che l’amore non aveva bisogno di essere corrisposto per essere amore.”

venerdì 21 aprile 2017

Recensione: "Più di 100 ricette di pasticceria casalinga" di Cappello di Meringa

Titolo: Più di 100 ricette di pasticceria casalinga
Autrice: Cappello di Meringa
Editore: autopubblicato su Youcanprint
Anno di pubblicazione: 2016
Genere: manuale / cucina
Pagine: 146

Sinossi: "Se sei alle prese con zucchero e farina e hai voglia di creare qualcosa di bello e di buono ma non hai mai seguito un corso di pasticceria e non puoi spendere soldi in utensili professionali, questo libro fa per te! Il ricettario comprende dessert di frutta, coppe gelato, semifreddi e dolci al cucchiaio, torte e tortini, dolci tradizionali per le feste, panini dolci e focacce, pasticcini e merende, biscotti. Le ricette sono semplici e gli ingredienti sono di uso comune! Prova!"



Recensione:
Chi mi conosce o semplicemente è tra i miei contatti social, sa che in cucina mi do parecchio da fare sia con i dolci che con i salati, per questo ho accettato di leggere e recensire questo ricettario a tema dolci.
Il ricettario è articolato in 8 sezioni: frutta, coppe gelato, semifreddi e dolci al cucchiaio, torte e tortini, dolci tradizionali per le feste, panini dolci e focacce, pasticcini e merende, biscotti.
La sezione frutta l’ho vista un po’ carente contenendo per lo più macedonie, personalmente poi preferisco la frutta al naturale e senza aggiungere zucchero o quasi.
Deludente la parte riguardante le coppe gelato visto che io ormai da qualche anno il gelato lo faccio da me e quindi mi aspettavo qualcosa di più artigianale e non solo l’assemblaggio a partire da gelato già pronto. La panna spray ed i topping già pronti non mi entusiasmano per niente ma magari possono andare bene per i principianti, i neofiti della pasticceria diciamo.
Allo stesso modo mi aspettavo di più dalla sezione dolci per le feste, in quanto si tratta di accompagnare o farcire colombe e pandori o panettoni già pronti.
E’ vero che i dolci devono essere buoni in primis e non dietetici ma onestamente c’è troppo cioccolato per i miei gusti e a me il cioccolato piace pure, eheh.
In ogni caso, ricette che mi hanno incuriosito e proverò a fare sono: Il budino della nonna, la torta della salute, la torta di nocciole, la ciambella allo yogurt con le fragole, i panini dolci al latte, le focaccine con gocce di cioccolato.
Mi ha stranito l’idea dei fiori di zucchina dolci visto che li ho mangiati sempre salati.
I consigli in alcune ricette sono molto utili e dettati dalla pratica, ad esempio nel caso del croccante alle mandorle ho sperimentato sulla mia pelle l’effetto di una gocciolina di caramello, ustione profondissima!!
Utile anche il consiglio per scogliere il cioccolato senza bagnomaria.

2 cuori e mezzo




mercoledì 19 aprile 2017

Recensione: "Hyperversum: Ultimate" di Cecilia Randall

Titolo: Hyperversum: Ultimate
Serie: Hyperversum #5
Autore: Cecilia Randall
Editore: Giunti
Pagine: 480
Prezzo: € 17 (cartaceo) € 9,99 (ebook)
Data di uscita: 29 Marzo 2017

TRAMA
Phoenix, Arizona, futuro prossimo. Alex ha deciso: tornerà nel Medioevo per ritrovare Marc, che nel frattempo è diventato primo cavaliere di Luigi IX. Oltre a sfidare l'ira del padre, dovrà accettare il dolore del distacco dalla sua famiglia, ma nulla può farla rinunciare ai sentimenti che prova per Marc. Châtel-Argent, Francia nord-orientale, XIII secolo. Mentre al castello fervono i festeggiamenti per il matrimonio di Michel de Ponthieu, Marc e Alex si riconfermano l'un l'altra il proprio amore, ma Ian impone loro di attendere almeno sei mesi, per conoscersi meglio. Marc, durante i due anni di distacco, è maturato, ma la sua sicurezza sfiora a volte l'arroganza e Alex fatica a rispettare il ruolo della donna medievale. C'è chi però ha una sensibilità più affine alla sua, come il giovane Richard, e Alex ne è attratta più di quanto voglia confessare a se stessa. Alla loro vicenda personale si mescolano presto vicende politiche quando Luigi IX affida a Marc una missione insolita: a Dunkerque è stato ucciso un viaggiatore inglese e occorre investigare per trovare gli assassini...

LA MIA OPINIONE

Sono passati due anni da quando Alex Freeland, dopo la sua prima, vera avventura nel medioevo, è tornata nel presente. Molte cose sono cambiate per lei, ma i sentimenti per Marc sono rimasti immutati. È per questo che ha deciso che, al posto di partire per il college come farebbe qualsiasi ragazza della sua età attraverserà di nuovo il portale creato da Hyperversum e questa volta per sempre. Sa benissimo che vivere nel medioevo, soprattutto per una ragazza, comporta difficoltà e rischi, ma è pronta a correrli per amore di Marc e nonostante il parere contrario del padre, Daniel.
Quando arriva a Chatel-Argent, Alex trova il castello in festa per il matrimonio di Michel, il fratello minore di Marc. Una volta ritrovato il suo uomo, ora anche primo cavaliere del re, Alex non ha alcun dubbio: vuole sposarlo.
Ian, dal canto suo, è felice di rivedere Alex, ma impone ai due giovani innamorati di attendere sei mesi prima del matrimonio, periodo nel quale avranno la possibilità di conoscersi meglio prima di tutto, e poi Alex avrà la possibilità di ambientarsi.
Per i due innamorati le novità e le avventure non tardano certo ad arrivare: Marc è chiamato dapprima a fianco del re ed immediatamente dopo ad indagare sull'omicidio di un cavaliere templare avvenuto nelle sue terre. Alex, da brava dama, dovrebbe restare nel castello ad attendere il ritorno di Marc, ma può davvero una ragazza del nostro tempo rinunciare alla propria libertà, e soprattutto, potrebbe mai farlo una ragazza come lei, testarda fino al midollo e pronta a raccogliere ogni provocazione di Marc pur di tenergli testa?

Come ormai avrete sicuramente capito dalle mie recensioni, mi sono molto affezionata alla saga di Hyperversum e la ritengo, senza ombra di dubbio, una delle migliori serie fantasy made in Italy.
Quando ho saputo che sarebbe uscito un nuovo romanzo della saga con Alex come protagonista, non potevo che essere felice, visto che Hyperversum: Next è stato per me un romanzo più che riuscito e non mi sono curata di porre un freno alle mie aspettative.

Hyperversum: Ultimate, alla luce dei volumi precedenti della saga, secondo me registra un leggero calo.
Per le prime cento pagine circa del romanzo, a parte il ritorno di Alex nel medioevo, succede veramente poco e sin da subito lei e Marc cominciano a battibeccare e c'è un continuo scontro tra i loro modi diversi di vedere la vita e di relazionarsi. È vero, questo ci permette di approfondire la loro psicologia e capire i loro punti di vista e soprattutto ci fa capire quali sono e quali possono essere le difficoltà nella loro relazione, ma è un elemento che viene posto interamente all'inizio del romanzo e non è inframmezzato con altri argomenti di peso, per cui sembra che il romanzo fatichi ad ingranare.
L'azione arriva dopo, quando da una parte Marc è chiamato ad indagare sull'omicidio di un cavaliere templare ed Alex si tuffa a capofitto in una nuova avventura, con l'aiuto di Richard Martewall, figlio di Geoffrey, che abbiamo conosciuto in Hyperversum: il Falco e il Leone
È a questo punto che il romanzo comincia a scorrere più velocemente e a diventare più godibile: migliorano le dinamiche e si ricominciano a vedere gli elementi che hanno reso memorabili i romanzi precedenti, il tutto, paradossalmente, quando i due protagonisti si separano.

Hyperversum: Ultimate soffre un po' il confronto con gli altri volumi della saga soprattutto per quanto riguarda il dosaggio degli elementi della romanzo (romance, azione, storia, avventura), che ho trovato migliore nei precedenti, ma dall'altra parte ci permette di incontrare nuovamente Marc e Alex, due personaggi che hanno un carattere simile ma due mentalità inevitabilmente lontanissime e capire, ancora meglio di quanto accaduto nella trilogia originale per Ian e Isabeau, quanto l'amore possa unire persone così distanti.
Mi dispiace che Richard non sia stato un personaggio secondario determinante come lo era stato Geoffrey e che a tratti il romanzo non sia stato emozionante e coinvolgente come mi aspettavo, ma visto che l'autrice ha dichiarato che Ultimate non segna l'addio alla saga di Hyperversum, confido in un pronto recupero nei prossimi volumi di questa saga.