venerdì 9 dicembre 2016

Recensione a confronto: Riverside #2 - Dollhouse di Bianca Cataldi



Titolo: Dollhouse (Riverside #2)


Autore: Bianca Rita Cataldi

Numero di pagine: 150ca

Formato: ebook

Prezzo: €1,99

Venduto su Amazon, presente su Kindle Unlimited


Sinossi:
Riverside, Regno Unito. Dopo il traumatico risveglio in una realtà parallela che non le appartiene, Amabel riesce suo malgrado ad ambientarsi, trovandosi finalmente a suo agio tra i suoi allievi della Lucretius Grammar School, l’amabile collega Rachel e l’impertinente Damian, un suo giovane alunno che è anche il suo unico contatto con la realtà dalla quale proviene. Benché si stia ormai abituando all’insolita situazione, Amabel è comunque costretta a continuare le sue ricerche al fine di comprendere i motivi di ciò che le è accaduto e trovare un modo per tornare a casa. Intanto, l’incubo della bambola dai capelli rosa torna a visitarla dopo sei anni di silenzio. Come Amabel scoprirà ben presto, il segreto dei suoi incubi affonda le sue radici in un’antica favola slava della quale dovrà conoscere ogni aspetto per capire la complessità della sua situazione. Tuttavia, qualcosa trama nell’ombra e Amabel dovrà stare all’erta: è sufficiente un solo errore per spezzare per sempre l’equilibrio e far precipitare Riverside nella rovina.

Ecco il link alla prima recensione: Riverside

Cosa ne pensa Fabiola:


Il secondo volume della saga di Riverside ha soddisfatto le mie aspettative, per questo sono molto felice di poterlo recensire.
L'autrice ha uno stile pulito, chiaro e scorrevole, in particolar modo ho apprezzato i dialoghi, che risultano a mio parere naturali e realistici.

La storia viene ripresa esattamente da dove l'avevamo lasciata alla fine del primo libro, con la festa durante la quale Megan, la ragazzina dalle sembianze della bambola dai capelli rosa di Amabel, era apparsa suonando il pianoforte a ricordare alla donna il suo incubo ricorrente dell'infanzia.

Nella lettura riceveremo finalmente molte delle risposte che alla fine del primo libro erano rimaste in sospeso, il personaggio di Damian manterrà il suo ruolo centrale e diventerà molto importante per Amabel, che anche attraverso il suo aiuto otterrà qualche informazione in più sui motivi della sua presenza in quella vita nuova alla quale lei lentamente si affezionerà sempre di più, spingendola a chiedersi se mai tornerà indietro.

Non intendo dare altri dettagli riguardanti la trama - che ancora una volta è uno dei punti forti del libro e che è sviluppata in modo coerente e interessante - o i ruoli dei vari personaggi, perché in questo libro nulla è come sembra e sono sicura che chi di voi deciderà di leggerlo lo farà con più piacere seguendo il racconto dell'autrice, che è molto brava a gestire le informazioni e riesce a mantenere vivo l'interesse del lettore fino alla fine del libro. 

Come avevo scritto per il primo volume: consiglio questo libro a chi ama le storie un po' horror e un po' magiche, ma anche semplicemente a chi cerca qualcosa di originale, fresco e ben scritto.




Cosa ne pensa Mary:

E' stato magico tornare a Riverside, devo ammettere che questa storia mi era mancata più di quanto immaginassi. Ma veniamo a noi, voglio parlare assolutamente di questo libro.

E' una storia che mi ha affascinato tantissimo nel primo volume, il suo alone di mistero mi aveva intrigato e conquistato.
Dollhouse riprende esattamente dove il primo ci aveva lasciato, anche in questo libro il mistero sta alla base di tutte le vicende, alcuni misteri ci verranno in parte svelati, alcune verità salteranno fuori però penso che la strada sul chiarire del tutto il mistero sia ancora in salita.
La cosa che mi piace assolutamente di questa serie è proprio il mistero, l'essere all'oscuro di tutto. Durante alcune parti della lettura mi sentivo frustrata perché non riuscivo a capire la verità che si celava dietro questa storia, ma la parte più razionale di me non faceva altro che ringraziare l'autrice per avermi regalato questa piccola perla.
Preferisco non entrare nel profondo della trama, perché ho il timore di rivelarvi anche il più piccolo ed innocuo dei suggerimenti, sono dei libri che vanno assaporati senza nessun intralcio. Posso dirvi che valgono veramente la pena, sono in grado di catturarvi e di non lasciarvi più andare, sarete pervasi da un'incredibile curiosità che non vi lascerà modo di respirare finché non riuscite a venire a capo di questa storia.

Per quanto riguarda Dollhouse, non mi ha deluso assolutamente, è il degno continuo di Riverside. L'autrice ha uno stile di scrittura che incanta, è semplice ma magico, le sue parole riescono a prendere vita. I suoi personaggi Idem.
Fra qualche giorno inizierò il terzo e già non sto nella pelle, ovviamente avrete modo di leggere un'altra delle mie recensioni. Per ora non posso fare altro che consigliarvi sia Riverside che Dollhouse e sono sicura che riusciranno ad attirarvi nel loro mondo.


4 cuoricini e mezzo



Fabiola e Mary

mercoledì 7 dicembre 2016

Segna-Libro #19 | Consigli natalizi

Le luminarie per le strade, i panettoni nei supermercati... sembra che sia Natale da due mesi. Fortunatamente non è ancora arrivato e siamo in tempo per trovare i regali giusti.
Se siete ancora indecisi, io ho qualche consiglio per voi.







La Spia del Mare di Virginia de Winter 

La Spia del Mare è uno di quei romanzi che potrebbero accontentare i gusti di molti, dai più romantici agli amanti del mistero e del paranormal e persino gli appassionati di romanzi storici.
Io l'ho letto poco dopo l'uscita e l'ho amato come i precedenti romanzi della de Winter, la serie Black Friars e Il Cammeo di Ossidiana che, in effetti, meriterebbero di trovarsi in questo post. 



Titolo: La Spia del Mare
Autore: Virginia de Winter
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 25 novembre 2016
Pagine: 404
Prezzo: € 19,00

Venezia, 1741. Cordelia Sheffield è una spia inglese, bella, intelligente e letale. Cassandra Giustinian invece è una nobile veneziana dalla grazia incantevole, colpita da una misteriosa malattia. Nessuno sa che sono gemelle, che dividono un'unica vita e l'amore per lo stesso uomo: lo splendido Cassian d'Armer, una spia del Doge, tormentato da un passato di guerra e violenza. Quando gli Inquisitori della Serenissima allungheranno le loro ombre sui segreti dei Giustinian, Cassian rischierà ogni cosa per salvare dalla morte la donna che ama. La lotta lo legherà fatalmente a tre uomini: un nobile francese fuggito dalla Corte di Versailles, un pari di Spagna in esilio volontario e un giovane abate, Giacomo Casanova, perfetto spadaccino e donnaiolo impenitente che li guiderà attraverso le calli e i balli fastosi, nella frenesia del meraviglioso carnevale veneziano. Agenti segreti e alchimisti, crudeli assassini coi volti della Commedia dell'Arte convergono nella Serenissima e danno avvio a un pericoloso gioco di spie, alla ricerca di un mistero sepolto sul fondo della laguna, dove una fanciulla dorme in una bara di cristallo, custode di un segreto che potrebbe far vacillare l'esistenza stessa della Repubblica di Venezia.

Tiger Fighters. Il nodo del Tempio di Dilhani Heemba

Tiger Fighters è un altro romanzo che ho amato: dopo aver letto altri libri di Dilhani Heemba e avevo idea di cosa aspettarmi ma, fidatevi, si è superata e questo è unico. Nella mia recensione vi avevo raccontato quanto Tiger Fighters sia originale; in libreria non troverete un romanzo simile.

Titolo: Il nodo del Tempio (Tiger Fighters #1) 
Autore: Dilhani Heemba
Editore: autopubblicato
Prima edizione: 14 giugno 2016
Pagine: 551
Prezzo: Ebook - € 2,99; Cartaceo – € 16,11


L'India ha distrutto l'Occidente e ora ha un governo dittatore che inquina il mondo. I Tiger Fighters, in cambio del sangue di Shiva, hanno promesso di combattere i demoni e il governo, erigendo templi e stringendo nodi, distruggendo fabbriche e assassinando.
La famiglia di Daksha è stata allontanata quando suo padre li ha maledetti, ritenendoli responsabili della morte della madre. Anni dopo, il padre incendia un tempio per vendicarsi e scioglie involontariamente uno dei nodi che trattiene i padri dei demoni, i rakshasa. I Tiger Fighters partono alla ricerca di Daksha, nella speranza che possa rivelare loro dove sia l'uomo e obbligarlo a rifare i nodi. Daksha, però, li ha rinnegati per tutta la vita, crescendo in fretta sulle strade di Delhi, tra incontri clandestini e cacce ai demoni e frequentando gli ambienti più marci dei ricchi imprenditori e, proprio ora che è a capo del gruppo governativo che combatte sul campo i Tiger Fighters, non ha alcuna intenzione di stare dalla loro parte. O almeno crede. Perché la strada della vendetta non appare più così facile, quando ci sono di mezzo le ingiustizie, la morte e un passato non del tutto privo di ricordi felici che ora sembra darle la caccia. 

Albion di Bianca Marconero

Albion è il primo di una saga urban fantasy italiana che meriterebbe di essere letta da tutti e che, vi assicuro è un bellissimo regalo da fare ai lettori più giovani. Dalla penna della Marconero, la leggenda di Artù torna in vita in una chiave di lettura moderna e non scontata che, di libro in libro, coinvolge sempre di più.




Titolo: Albion 
Autore: Bianca Marconero 
Editore: Limited Editions Books 
Prima edizione: 1 giugno 2013 
Pagine: 400
Prezzo: € 14,90 


Cresciuto senza madre, e dopo aver perduto il fratello maggiore – morto in circostanze misteriose –, nel giorno del funerale dell’amatissimo nonno, Marco Cinquedraghi riceve la notizia che gli cambierà la vita: deve lasciare Roma e partire per la Svizzera.
È infatti giunto il momento di iscriversi all’Albion College, la scuola in cui, da sempre, si diplomano i membri della sua famiglia. 
Ma il blasonato collegio riserva molte sorprese. Tra duelli di spade e lezioni di filologia romanza, mistici poteri che riaffiorano e verità sepolte dal tempo che riemergono, Marco scoprirà il valore dell’amicizia e capirà che l’amore, quello vero, non si ottiene senza sacrificio. 
Nelle trame ordite dal più grande dei maghi e nell’eco di un amore indimenticabile si ridestano legami immortali, scritti nel sangue. Fino all’epilogo, tra le mura di un’antica abbazia, dove Marco conoscerà la strada che le stelle hanno in serbo per lui. Il destino di un re il cui nome è leggenda. 


I libri della serie:
Ciclo del primo anno
Albion (Albion #1)
I wish you a Merry Xmas (Albion, racconto di Natale - su Wattpad)
Albion. Ombre (Albion #2)
Il principe spezzato (Albion #2.5)

Albion. Eredità (Albion #3) - prossimamente

La prima cosa bella di Bianca Marconero


Di nuovo la Marconero: per me è una garanzia. La prima cosa bella, però, non è il romanzo che vi potete aspettare semplicemente leggendo la trama: c'è l'amore che arriva quando meno te lo aspetti, l'amicizia e la famiglia, ma soprattutto la vita che decide per te che è ora di crescere. 
Dante, il protagonista, ha un punto di vista disincatato, eppure un po' miope. Se amate il cinema e le citazioni, poi, non potete proprio perdere questo romanzo.



TitoloLa prima cosa bella
Autore: Bianca Marconero 
Editore: Newton Compton
Pagine: 317
Prezzo: ebook - € 2,99; cartaceo - € 5,90


Tra una birra nel solito posto, un esame all’università e una sosta in fumetteria, la sua vita scorre più o meno tranquilla. Ma una sera come tante, in uno dei soliti posti, arrivano anche delle ragazze e da quel momento il mondo di Dante verrà completamente capovolto. Si ritroverà promosso al ruolo di regista in un film amatoriale, si innamorerà senza essere riamato, e a sua volta non ricambierà una ragazza che invece si innamora di lui. E in un susseguirsi di eventi imprevisti e imprevedibili, Dante scoprirà che nulla è come aveva immaginato…



Trentatré  di Mirya

È la prima volta, da quando ho letto questo romanzo, che mi trovo nella situazione di doverne parlare per iscritto. Non è un caso se l'ho inserito in questa lista di consigli: l'ho amato davvero tanto, ma vi assicuro che non è facile trovare le parole giuste.
Trentatré  è diventato uno dei miei libri preferiti, uno di quelli che rileggerò sempre volentieri perché continuerà a darmi tanto, a ricordarmi quanto può essere meravigliosa la vita. E okay, okay. Dovreste leggelo perché non sono in grado di dirvi tutto ciò che questo libro è: per me è stata una sferzata di positività e chi mi conosce sa che è qualcosa a cui tengo, che ricerco e in cui credo.
Trentatré  vi farà ridere e vi farà piangere. Vi ho avvisati: non lasciatevelo sfuggire!

TitoloTrentatré
Autore: Mirya 
Editore: autopubblicato
Pagine: 317
Prezzo: ebook - € 2,99; cartaceo - € 5,90


Trentatré sono i giorni che Dio Si impegna a trascorrere sulla terra, senza i Suoi poteri, prima che Suo Figlio acconsenta ad aiutarLo nell’Apocalisse; ma scopre subito che l’umanità è un abito scomodo da indossare. Trentatré sono i giorni di cui la ricca Grace dispone per persuadere quel vecchio pazzo convinto di essere Dio che l’universo non deve finire; ma c’è un asino dagli occhi azzurri a complicarle la vita e a lei non resta che cercare di trasformarlo in un unicorno rosa – e magari farlo innamorare. Trentatré sono i giorni in cui il povero Michele deve affrontare i suoi demoni, per liberarsi del marchio di Caino e imparare di nuovo ad avere fiducia; ma c’è una rossa intenzionata a combattere contro di lui che invece forse potrebbe combattere al suo fianco, se solo lui si aprisse a lei e ai sentimenti. Trentatré sono i giorni necessari a cambiare per sempre le vite del vecchio Giò, di Amir, di Juliette, di Giò Giò, di Consuelo e di tutti coloro che ruotano attorno allo stesso locale, quel locale che in fondo può assomigliare a una casa, come loro in fondo possono assomigliare a una famiglia. Perché la fortuna non è positiva né negativa, le cose migliori accadono per caso e il mondo è pieno di incastri.

Le stanze buie di Francesca Diotallevi

Questo è uno dei romanzi che volevo, volevo leggere. Sì, due volte.
L'ho letto grazie una catena di lettura e poi me ne sono innamorata: prima che potessi prenderne una copia, mi è stato regalato. Sono molto fortunata e c'è chi sa esaudire i miei desideri.
Le stanze buie è un romanzo storico con molto mistero: se avete visto il film The others e vi è piaciuto, dovreste leggerlo. È un esordio, ma non ve ne accorgerete.


Titolo: Le stanze buie
Autore: Francesca Diotallevi
Editore: Mursia
Pagine:400
Prezzo: cartaceo - € 22,00


Torino, 1864. Un impeccabile maggiordomo di città viene catapultato nelle Langhe: per volere testamentario di un lontano zio, suo protettore, dovrà occuparsi della servitù nella villa dei conti Flores. Il protagonista si scontra così con il mondo provinciale completamente diverso da quello dorato e sfavillante dell'alta società torinese e con le abitudini dei nuovi padroni e dei loro dipendenti. Nella casa ci sono un conte burbero, una donna eccentrica e anticonformista, ma anche sola e infelice, un cameriere dalla doppia faccia e una vecchia che sa molte cose, ma soprattutto c'è una stanza chiusa da anni nella quale non si può assolutamente entrare. A partire da questo e da altri misteri il maggiordomo si troverà, suo malgrado, a scavare nel passato della famiglia per scoprire segreti inconfessati celati da molto tempo e destinati a cambiare per sempre la sua vita.

GodBreaker. La vendetta degli Dei di Luca Tarenzi


Questo, un po' come Le stanze buie, è in realtà un romanzo difficile da reperire. Me ne dispiaccio moltissimo, soprattutto perché continuerò a consigliarlo e perché cerco, quando possibile di regalarlo. GodBreaker è un fantasy di alto livello: nulla, dai personaggi alla trama e all'ambientazione, è scontato. Se lo regalerete (o ve lo regalerete), capirete che avreste dovuto farlo prima. 

Titolo: GodBreaker 
Autore: Luca Tarenzi 
Editore: Salani Editore 
Prima edizione: giugno 2013 
Pagine: 476
Prezzo: Brossura - € 15,90 

Gli dèi esistono. Camminano in mezzo a noi, vivono dentro e fuori la realtà di tutti i giorni, hanno macchine, uffici, soldi… Ma non tutti. Alcuni stanno morendo, travolti dalla perdita di tutti i loro seguaci; altri combattono una lotta spietata per tenersi il proprio posto nel mondo, usando tutti i loro poteri per conquistarsi l’agiatezza, e agire in incognito.





Sogni di carta di Melania D'Alessandro


Sogni di carta è un libro per bambini, ma anche un po' per gli adulti che hanno dimenticato il potere della lettura o che, forse, non l'hanno mai scoperto. Archimede e Gulliver sapranno darvi i giusti consigli, mettervi sulla giusta strada e a poco vi faranno innamorare dei libri e delle avventure che vi aspettano tra le loro pagine. 


Titolo: Sogni di Carta
Autore: Melania D'Alessandro
Editore: Leucotea
Prima edizione: 23 febbraio 2016
Pagine: 137
Prezzo: cartaceo - € 13,90


Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.

La principessa sbagliata di Ester Trasforini

Ma siete ancora lì a chiedervi se e perché leggerlo? Non perdete tempo e fatelo!
La Trasforini nel suo libro ha messo una principessa spilungona, un drago, una boscaiola (sì, una boscaiola!) e uno zombi. Questi elementi proprio non vi bastano? Allora dovete sapere che non è proprio come sembra e sì, riderete, ma avrete anche modo di pensare.
Angharad vi racconta molto meglio di me cosa aspettarvi da questo libro nella sua recensione, ma io vi dico: prendete e leggetelo tutti!


Titolo: La principessa sbagliata  
Autore: Ester Trasforini
Editore: Gainsworth Publishing- 12 maggio 2016 
Pagine: 250
Prezzo: Ebook € 3,99 - Cartaceo € 16,50

Ci sono una torre, un drago e una principessa da salvare. Sembra l'inizio di una fiaba classica, ma quando la boscaiola Gemma, spinta dal desiderio di arricchirsi, decide di partire per liberare la figlia del re, tutto inizia a girare per il verso sbagliato.
Armata di ascia e di una magia di dubbia utilità, Gemma giunge sulla montagna e mette in fuga il drago, ma finisce per ritrovarsi lei stessa fuggitiva in un'avventura dove niente è ciò che sembra​, ​principessa compresa. Tra scontri, visioni, amore e uno zombi spaventapasseri, Gemma affronterà le sue paure e scoprirà che il lieto fine, forse, va cercato oltre gli abiti che si indossano.

Gens Arcana  di Cecilia Randall

Avete ragione: Gens Arcana  è un libro un po' più datato degli altri, ma dovreste lo stesso leggerlo e regalarlo, soprattutto se avete un debole per le ambientazioni storiche. La Randall offre al lettore la possibilità di viaggiare nella Firenze rinascimentale e lo affascina con il Potere Arcano...


Titolo: Gens Arcana
Autore: Cecilia Randall

Editore: Mondadori 
Prima edizione: 10 ottobre 2010 
Pagine: 622
Prezzo: Rilegato - € 20,00; Flessibile - € 11,50; ebook - € 6,99




Firenze, 1478. Valiano de' Nieri è discendente di una delle più antiche e nobili famiglie italiane di Arcani. Essere Arcano significa poter invocare la quinta essentia, il quinto elemento di Natura capace di combinarsi con gli altri quattro - Aria, Acqua, Terra e Fuoco - e di governarli. Il potere arcano è immenso e può determinare le sorti dell'umanità intera: per questo si tramanda solo attraverso il lignaggio del sangue e va protetto e tenuto segreto. Ma Valiano ha rifiutato i suoi poteri e la sua "predestinazione", è fuggito e cerca di vivere normalmente lavorando come apprendista liutaio. Quando però suo padre Bonconte muore in circostanze misteriose e il suo amato fratello Angelo viene rapito, Valiano capisce di non potersi più sottrarre al proprio destino: il machiavellico cugino Folco de' Nieri sta scalando il potere all'interno della famiglia e, pur di realizzare la sua ambizione, è pronto a sfruttare una conoscenza proibita - e Valiano deve fermarlo. Sullo sfondo della magnifica Firenze di Lorenzo de' Medici, le gesta arcane si mescolano a quelle della congiura dei Pazzi in un vortice a cui nulla e nessuno potrà sottrarsi...

Spero che i miei consigli vi tornino utili!
Fatemi sapere e raccontatemi se avete scelto altri libri e perché! 



lunedì 5 dicembre 2016

Recensione: "LA COSTOLA DI ADAMO" di Antonio Manzini

Titolo: La costola di Adamo
Serie: Rocco Schiavone #2
Autore: Antonio Manzini
Editore: Sellerio
Pagine: 284
Prezzo: € 14 (cartaceo) € 9,99 (ebook)

TRAMA


"Il vicequestore sorrise nel pensare alla somiglianza che sentiva tra lui e quel cane da punta". 

Rocco Schiavone ha la mania di paragonare a un animale ciascuna delle fisionomie umane che gli si para davanti. Ma più che il setter che gli suscita quell'accostamento, lui stesso fa venire in mente uno spinone, ispido, arruffato e rustico com'è: pur sempre, però, sottomesso all'istinto della caccia. È uno sbirro manesco e tutt'altro che immacolato, romano di conio trasteverino, con una piaga di dolore e di colpa che non può guarire. Ad Aosta, dove l'hanno trasferito d'ufficio, preferirebbe tenere le sue Clarks al riparo dall'acqua e godersi i suoi amorazzi, che non imbarcarsi in un'altra inchiesta piena di neve. Una donna, una moglie che si avvicinava all'autunno della vita, è trovata cadavere dalla domestica. Impiccata al lampadario di una stanza immersa nell'oscurità. Intorno la devastazione di un furto. Ma Rocco non è convinto. E una successione di coincidenze e divergenze, così come l'ambiguità di tanti personaggi, trasformano a poco a poco il quadro di una rapina in una nebbia di misteri umani, ambientali, criminali. Per dissolverla, il vicequestore Rocco Schiavone mette in campo il suo metodo annoiato e stringente, fatto di intuito rapido e brutalità, di compassione e tendenza a farsi giustizia da sé, di lealtà verso gli amici e infida astuzia.

LA MIA OPINIONE

Dopo aver terminato Pista Nera mi sono precipitata a leggere anche il secondo volume della serie dedicata a Rocco Schiavone. Volevo assolutamente leggere di un'altra delle sue indagini e capine un po' di più di questo personaggio.
Il vicequestore, stavolta, si ritrova ad indagare su un caso di suicidio che però, sin dall'inizio, presenta degli elementi anomali: Ester, la donna che si è impiccata ad un lampadario, in una stanza buia del suo appartamento, da tempo aveva un rapporto difficile con il marito, aggravato da una violenza fisica e psicologiche che ormai andava avanti da tempo.
E' proprio questo a far suonare un campanello d'allarme nel nostro investigatore, che si ritrova a ricomporre un puzzle nel quale, però, sembra mancare un pezzo essenziale. 
A questa, che è l'indagine principale del romanzo, se ne accosta però un'altra, che riguarda il passato di Schiavone: a Roma sono state stuprate delle ragazze minorenni con un modus operandi che Rocco conosce fin troppo bene e che lascia riemergere ricordi poco piacevoli del suo passato.

Dopo l'impatto con il primo romanzo che vede come protagonista il vicequestore Schiavone, che è stato piuttosto forte e mi ha messa davanti ad un personaggio che non ha vie di mezzo, La costola di Adamo era una lettura d'obbligo, la prova del nove per capire se davvero io e Rocco saremmo diventati partners in crime - come lettrice e personaggio letterario, ovviamente.

Nel complesso questo romanzo è stato una buona lettura, in cui l'autore ha approfondito innanzitutto il personaggio di Rocco. Ancora una volta questo personaggio ci viene presentato in tutta la sua imperfezione e gravato dal peso dei fantasmi del suo passato.
Che sia un uomo ed un investigatore sui generis, con la sua morale ed i suoi metodi investigativi poco ortodossi, si era già capito, ma in questo secondo volume della serie, in cui il passato torna prepotentemente a fargli visita, scopriamo nuove fragilità e qualche altro aspetto del suo misterioso passato.
Non particolarmente misterioso, invece, il caso che Rocco deve risolvere questa volta, la cui soluzione potrebbe risultare intuibile ai lettori, ma sicuramente è una leva che ci aiuta a scoprire meglio i pensieri di questo atipico protagonista.